Per fortuna, c’è ancora qualche campionato nel quale i giochi sono altro che fatti.

Per sperperare un patrimonio esagerato, il Kriens ci ha messo davvero poco e oggi diventa soggettivo imputare ai lucernesi colpe particolari o rendere merito al Rapperswil di averci sempre creduto. Sull’economia della volata finale tra le squadre di Jurendic e Fluhmann pesa la sconfitta del Kriens nel recupero di mercoledì a Brühl. I sangallesi hanno concesso il goal numero 14 della stagione a Sulejmani, ma poi hanno piazzato colpo letale nel finale con Gaye dopo il pareggio di Sabanovic.

Guarino e compagni hanno fatto la festa alla capolista, regalando al tempo stesso la festa ad un Rapperswil che resta ancora penalizzato dalla differenza reti. Quando mancano 270’ al termine del torneo, tutto è ancora aperto e anche in coda i giochi sono aperti a svariate ipotesi. La 28esima giornata potrebbe rivelarsi decisiva? Possibile. Che in una situazione come quella attuale il Kriens possa pensare di sbancare la Charriere è opinabile. La squadra di Caschili mancherà degli squalificati Demolli e Frossard, ma sul proprio campo ci hanno lasciato punti quasi tutte.

Il Rapperswil attende lo United che al Gruenfeld cerca almeno un punto per tenersi al riparo dal prevedibile ritorno dell’Old Boys: i renani ospitano la 21 del Sion in una partita da vincere ad ogni costo per rientrare nella zona franca. Tuggen – Bavois vale ultimissima chance per la squadra di casa che senza i tre punti potrà dire addio definitivo alla categoria. Rischia ancora lo Young Fellows che senza Colocci e Schmid (squalificati) giocherà a Basilea. Zurigo – Breitenrain, Brühl – Koeniz e Stade Nyonnais – Cham completano il programma. Tutte le partite si giocheranno domani tra le 15.00 e le 16.30 .

 

Seguici e metti mi piace qui:
LinkedIn
Whatsapp
RSS
Seguici via Email
YouTube