Giornata primaverile al campo di Mappo dove si affrontano in un derby locarnese il Minusio e il Vallemaggia. La cornice di pubblico è notevole e sicuramente le temperature aiutano. La tensione è palpabile da entrambe le parti e i giocatori non vedono l’ora di entrare in campo per liberarsene.

Pronti, partenza, via e il Minusio passa in vantaggio con Alessio Dell’Avo che sorprende la difesa ospite. Vallemaggia che però non sta a guardare e al 10′ minuto pareggia con Saltalamacchia che infila l’estremo difensore giallonero con un beffardo tiro rasoterra da fuori area che prima di appoggiarsi in rete va a sbattere sul palo.

La squadra di Tami però è più presente in campo e si fa preferire sul piano del gioco. Così ancora Dell’Avo attorno al 20′ minuto riporta avanti i suoi approfittando di un pasticcio difensivo tra il giovane Guardini e il portiere Monterosso. La partita prosegue come fin’ora con il Minusio a rendersi pericoloso e il Vallemaggia in evidente affanno in difesa dove gli uomini di Schiavon faticano a contenere i velocissimi Anderson e Dell’Avo. Proprio quest’ultimo al 27′ minuto si fa beffe degli avversari con una serpentina in area concludendo però addosso al portiere.

Tra il 37′ e il 38′ minuto le due squadre ci provano con un tiro da fuori area a testa che però non trovano fortuna andando a finire, seppur di poco, oltre la traversa.

La partita è nervosa e nessuna delle due squadre si risparmia. Purtroppo però c’è chi esagera e poco dopo il 40′ minuto ennesimo duro intervento a centrocampo tra Piscopo e Minelli che passano anche alle mani. Ne sussegue un parapiglia generale dove solo pochi giocatori non si fanno coinvolgere. Alla fine l’arbitro sanziona i due inizianti con un cartellino rosso e la sfida quindi continuerà in dieci contro dieci. Da far notare anche l’allontanamento del mister del Minusio Mattia Tami per evidenti e plateali proteste con il guardalinee e con l’arbitro in merito a questo gazzarra veramente inqualificabile da parte dei protagonisti.

Al 46’minuto il Minusio passa per la terza volta con un’azione tutta in velocità del giovane Anderson che lascia letteralmente sul posto il centrale Valmaggese e infila un Monterosso non completamente esente da colpe.

Dopo la pausa le squadre sembrano più rilassate ma il gioco non ne giova. Il fatto di essere solo in dieci per squadra apre spazi per le incursioni offensive ma la stanchezza dovuta all’uomo in meno si fa sentire presto.

Fino all’80’minuto succede poco, qualche occasione da entrambe le parti ma nulla di veramente pericoloso. Le uniche situazioni da mettere a referto nella prima mezz’ora del secondo tempo sono tre gialli ai giocatori ospiti, sia per entrate dure che, come nel caso di Guntri, per una gomitata su contrasto aereo. Da segnalare anche una brutta manata a pallone lontano di Patrick Pierantoni che non è stata vista dall’arbitro altrimenti il Minusio avrebbe probabilmente dovuto chiudere la partita in 9.

Il Vallemaggia però non molla e all’83’ minuto viene concesso giustamente un rigore che Guntri realizza con freddezza calciando centralmente. Come da copione il Vallemaggia tenta il forcing finale che, nonostante una bella conclusione al volo del neoentrato Berchicci, non si concretizza.

Dopo soli tre minuti di recupero l’arbitro pone fine ad una partita che ha consegnato 3 punti importantissimi in chiave salvezza al Minusio, e al Vallemaggia il rammarico di non aver staccato il gruppo delle “ultime” e continuare in tranquillità il cammino verso la metà della classifica.

Il migliore in campo è senza dubbio Dell’Avo, giocatore di categoria superiore che oggi ha dimostrato tutto il suo valore e che probabilmente sta facendo rosicare qualcuno a Losone. Il non invidiabile titolo di peggiore in campo andrebbe senza dubbio a Monterosso, ma oggi non ce la sentiamo di infierire sulla brutta giornata del portiere valmaggese.

Infieriamo invece su Piscopo e Minelli, in assoluto i peggiori che si sono visti a Mappo oggi. Protagonisti in negativo che sicuramente staranno a guardare i loro compagni nel turno infrasettimanale. Se poi le squalifiche saranno più pesanti magari la prossima volta ci penseranno bene prima di ingaggiare un teatrino vergognoso.

Seguici e metti mi piace qui:
LinkedIn
Whatsapp
RSS
Seguici via Email
YouTube