Goldau – Novazzano, carta canta, è il Big Match della 10^ giornata del gruppo 4.

Le prime due della classifica arrivano al confronto diretto entrambe reduci da una brutta sconfitta: la squadra di Marini ha perso 2-0 ad Ibach mentre lo stesso risultato ha giocato un brutto scherzo alla squadra di Damiano Meroni, al quale abbiamo chiesto quante possibilità possa avere il Novazzano di tornare senza le ossa rotte dal Tierpark giocando come fatto domenica scorsa a Morbio.

“ Vero che proponendo quanto fatto domenica il rischio è alto, ma sono pure convinto che non siamo quelli che hanno fatto una prestazione mediocre, pur condizionati dai primi 12 minuti, con due reti “demenziali” subite. Secondo me, giocando in modo diverso, per la prima volta, non si era poi fatto così male: le assenze di Martinelli, Snider, Bosnjak (…3 centrocampisti su 3…) ci hanno obbligati a passare a un centrocampo a 2 con Magno e Appella. Ad ogni modo per tornare con un risultato positivo ci serve ritrovare lo spirito di inizio campionato. Lo stimolo contro la prima in classifica dovrebbe venire da se”.

Hai condiviso il contenuto del commento sulla partita di domenica scritto dalla redazione di chalcio.com ?

“ Si, in quanto quando ci sono le opportunità, favoriti dal calendario e dai risultati degli altri bisogna coglierle, mai togliendo l’occhio da nostro primo obiettivo”.

Due sconfitte contro Brunnen e Perlen non erano prevedibili. Credi che all’interno della tua squadra qualcuno abbia alzato troppo la cresta ?

“ A Brunnen nei 90’ la sconfitta è meritata. Domenica non bisognava perdere in casa con il Perlen, ma è successo. Lunedì sera ci siamo confrontati, si sono confrontati i giocatori, l’effetto lo vedremo da qui alla fine del girone d’andata”.

Quanto hanno pesato le assenze a centrocampo nella partita di domenica ce lo hai già spiegato però non è andata male in mezzo…..

“ In parte – è vero – ti ho risposto sopra: abbiamo dovuto modificare l’assetto rispetto alle partite disputate fino ad ora, ma penso che Appella e Magno hanno risposto egregiamente giocando a due, rispetto ai tre centrocampisti che vengono schierati abitualmente, risultando tra i più positivi e macinando molti km”.

 

Seguici e metti mi piace qui:
LinkedIn
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS