La primavera è tempo di grigliate, ma a volte anche un brodino caldo può essere d’aiuto: l’Ascona, dopo 3 sconfitte consecutive tra campionato e coppa, bada alla sostanza e torna a casa da Goldau con in tasca il punticino che serviva per non complicarsi troppo la vita nel finale di stagione.
Partono forte i padroni di casa – e non poteva essere altrimenti – che devono vincere per tenere vive le speranze-salvezza: il vantaggio arriva dopo nemmeno 20′ di gioco, con il rigore trasformato da Keller (rigorista a causa dell’assenza per squalifica di Zeno Huser). Meglio, molto meglio i padroni di casa nei primi 45′, ma la musica cambia nella ripresa: i biancoblù tirano fuori gli artigli e arriva il gol del pari firmato da Grimani che capitalizza un assist di Cornacchia. L’ultima occasione è però per il Goldau: Marini, giocatore-allenatore della squadra giallorossa, mette alto di testa a pochi minuti dal termine.

Finisce con un pari che accontenta solo gli ospiti: il vantaggio di 7 punti è piuttosto rassicurante e, a meno di un vero e proprio suicidio sportivo, l’Ascona giocherà in Seconda Lega Interregionale anche nella prossima stagione. Discorso opposto invece per il Goldau: l’involuzione della squadra di mister Marini è preoccupante. Raggiunti in classifica persino dall’Eschenbach (vittorioso ieri sul Castello) i giallorossi si attaccano solo alla matematica per continuare a sperare, mentre il campo, probabilmente, ha già emesso il suo verdetto.

Seguici e metti mi piace qui:
LinkedIn
Whatsapp
RSS
Seguici via Email
YouTube