Ci sono volute 23 giornate, ma ora il nome del vincitore del Gruppo 1 di Terza Lega è noto a tutti. Il Rapid Lugano di Omar Copelli si è laureato campione co tre giornate di anticipo grazie all’affermazione per 6:1 sul Canobbio nella serata di venerdì.

Mantiene il secondo posto il Boglia Cadro di Gianinazzi, uscito con un punto dalla trasferta di Coldrerio. I cadresi sono dapprima passati in svantaggio all’8′, per poi rimontare con Maffi. Lo stesso numero 21 del Boglia si rende protagonista assoluto dell’incontro con altre due reti, intramezzate dal sigillo di De Angeli.

Il Cademario di Zanotti, invece, rimane ancorato al gradino più basso del podio. Ospiti del Porza, i malcantonesi si sono imposti con un roboante 1-8 che non lascia spazio ad ulteriori interpretazioni.

Ritorno alla vittoria per il Breganzona, impostosi sul Pura per 2-4, grazie alla partecipazione di Dzemal Bajric, autore di una tripletta. Si è divertito anche il Savosa Massagno di Stefano Bello, autore di una prova superlativa conclusa con la vittoria per 7:0 ai danni del Taverne 2.

Vacallo da applausi, quello dello scorso fine settimana, che dopo una prestazione solida si è aggiudicato il match contro il Lusiadas per 4-2. Nulla da fare per il Maroggia di Del Villano, piegato per 5-2 nella sfida salvezza contro il Monteceneri di Rapp, che si porta a +4 dalla zona rossa a tre giornate dal termine.