Sembra finalmente dare i suoi frutti la cura Renzo Bordoli. Il suo Solduno infatti si porta a casa i 3 punti nella sfida con il Verscio.

Una partita infarcita di ex quella andata in scena alla Morettina nel caldo pomeriggio del 15 ottobre. Una partita che nessuna delle due squadre voleva perdere; soprattutto per motivi di classifica, che per entrambe le squadre non è rosea, ma anche per questioni di orgoglio regionale.

Il Verscio di Mancini si presenta con una squadra giovanissima, nella quale tra i titolari i soli Senjic e Manev superano i 25 anni, che fa della corsa e delle ripartenze la sua arma migliore. Per sfortuna dei gialloneri però il Solduno degli ex Bordoli e Parisi sembra essere impostato in modo uguale e lascia quindi agli ospiti l’onere di fare la partita.

Esercizio nel quale il Verscio però fa un po’ fatica specialmente negli ultimi 30 metri dove gli attaccanti Haugaard e Poncini non si fanno mai trovare in posizione adatta per farsi servire da David Baumeler e da Grassi, che sono i due più attivi nel primo tempo. Il Solduno dal canto suo è bravo a ripartire e si crea qualche occasione con Wesley Bordoli e Calogero ma pericoli reali non ve ne sono mai.

Il primo tempo è avaro di emozioni e anche brutto da vedere e l’unico tiro in porta che si registra è quello di Polli verso la porta del Solduno difesa dall’ottimo Filippelli.

Nel secondo tempo i padroni di casa entrano in campo con altro piglio e con forze fresche, Sterza e Belfiore per aggiungere qualità alla squadra e gli ospiti vanno in difficoltà pur continuando a tentare di impostare il gioco e in occasione di una ripartenza al 60′ minuto il Solduno passa in vantaggio con Fernandes.

Il gol sembra pesare sugli ospiti, costretti nel frattempo ad un cambio per l’infortunio di Haugaard, che non trovano più il bandolo della matassa, e allora il mister mischia le carte in tavola. Fuori un difensore e dentro un attaccante per aumentare il peso offensivo. I giocatori capiscono il messaggio e si buttano in avanti, tuttavia in modo confusionario, alla ricerca del pareggio.

Il Solduno non attendeva altro; difesa compatta e ogni pallone riconquistato viene spazzato in avanti dove gli attaccanti si trovano sistematicamente in superiorità numerica. E proprio sugli sviluppi di uno di questi lanci all’80’ minuto Calogero supera abilmente Manev con un bel tiro da fuori area.

Nonostante i due gol di svantaggio gli ospiti continuano a buttarsi in avanti ma nemmeno il forcing finale porta al gol che potrebbe riaccendere le speranze.

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
LinkedIn
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS