GekasTheofanis-1Seconda sconfitta consecutiva per il Lugano. Gli uomini di Zeman, autori comunque di una prova incoraggiante, sono caduti al Tourbillon di Sion per 3-1. I bianconeri, in netta ripresa e ora, perlomeno sul piano del gioco, fuori dalla crisi, hanno iniziato come meglio non potevano la sfida portandosi sull’1-0 all’11 grazie a Bottani, tornato finalmente al gol dopo un digiuno lunghissimo. Una volta in vantaggio, il Lugano, si è messo sulla difensiva, subendo l’iniziativa dei padroni di casa, ma comunque cercando di difendersi con ordine per poter colpire con la velocità degli esterni. Riusciti nell’intento di chiudere il primo tempo avanti di una lunghezza, non è bastata una ripresa giocata al massimo della concentrazione, per tornarsene a Cornaredo con dei punti importantissimi in ottica salvezza. A fare male al Lugano, è stato, manco a dirlo, Theofanis Gekas. Il veterano che già aveva fatto sfracelli nell’ultimo match a Cornaredo, ha individuato nel Lugano la preda più facile, andando a segno oggi per ben tre volte al 47′ all’85’ e all’88’. Peccato per aver incassato il gol del pareggio non appena tornati sul terreno da gioco, chissà che con il passare dei minuti la squadra di Zeman avrebbe potuto compiere il colpaccio.

Vittoria comunque meritata per il Sion, che ha creato e macinato gioco più dei bianconeri. A testimoniarlo sono i 26 tiri (contro 13) scagliati verso la porta di Salvi. Per il Lugano resta la consapevolezza che con impegno, dedizione e cuore, la salvezza è a portata di mano. Sperando che domani il Basilea faccia il suo lavoro con il Vaduz…

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
LinkedIn
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS