Procede tutto secondo i piani in casa Paradiso, alle prese con un precampionato accattivante in linea con le ambizioni del sodalizio biancoverde. Il punto della situazione lo fa l’allenatore dei leoni Andrea Lanza, intervistato dalla redazione di Chalcio.com. 

Andrea, come valuti la preparazione finora svolta?
Sono molto soddisfatto delle prime settimane di lavoro. La squadra sta rispondendo bene ai carichi. Ormai con la lunga sosta invernale, a differenza dell’estate, abbiamo dovuto lavorare più sul fondo e sulla forza, inserendo solo qualche piccola novità a livello tattico. Essendo un amante del pallone ho preferito abbinare la parte atletica sotto forma di giochi. Il risultato a fine seduta è quello voluto e i ragazzi si divertono assorbendo meglio il tutto. Vedo tanto entusiasmo e voglia di lavorare.”

C’è un aspetto nel quale ritieni che vada posto l’accento?
A livello tecnico la squadra ha ottime qualità individuali, e tatticamente lavoreremo per permettere di sfruttare al massimo le caratteristiche di ogni elemento della rosa.
Dove verrà posto maggiormente l’accento, però, sarà soprattutto sul aspetto mentale: uno degli elementi più importanti del calcio a mio parere. E sono convinto che con un grande lavoro mentale la squadra potrà crescere tantissimo anche sotto tutti gli altri aspetti.”

La pausa invernale ci ha consentito di avere più tempo per trovare i giusti innesti

 

Paradiso è noto per le sempre spiccate qualità offensive. Come deve gestirle un allenatore?
I nostri giocatori sono abituati a imporre il gioco piuttosto che aspettare le iniziative avversarie, e questo non può che essere perfetto per un allenatore come me che ama lavorare la parte offensiva. È importante, quindi, sfruttare le qualità dei giocatori in fase offensiva e fare un buon lavoro sulla transizione in caso di perdita palla. Questo è un altro degli aspetti che lavoreremo nel girone di ritorno.
Se parliamo singolarmente invece, gli attaccanti sanno bene, come tutti gli altri giocatori, che chi dimostra in settimana di meritarsi la maglia da titolare giocherà dall’inizio, non viene regalato niente, tutto va guadagnato. Partendo da questa regola la gestione è facilitata avendo in rosa diverse scelte offensive di pari livello.”

Ti soddisfano i nuovi arrivi?
Assolutamente sì. La lunga pausa invernale ha un vantaggio rispetto alla pausa estiva: dà più tempo per cercare giocatori.
In questo modo, con il nostro team manager Brumana, abbiamo potuto fare degli acquisti più mirati e adatti all’idea di gioco che proporrò con il mio vice Stagno. A differenza dell’andata dove abbiamo adattato il gioco in base alla rosa. La rosa è meno ampia dell’andata ma più funzionale ed è stata completata da 3 giovani del settore giovanile Insema.”

Infine, Lanza ha un messaggio per l’ormai ex presidente del club Antonio Caggiano…

Che Caggiano sia il simbolo dell’FC Paradiso è evidente, ha dato tantissimo a questa società e spero, e ne sono certo, che continuerà a dare tanto anche in futuro, una volta che si sistemerà tutto.
Ma ci tengo a dare anche un altro messaggio di Antonio: mi ha contatto questa estate in quanto ero uno dei candidati alla panchina, e dopo un paio di colloqui mi ha scelto come allenatore. Penso che dare la possibilità ad un allenatore giovane di gestire una squadra di 2a lega con grandi ambizioni non è da tutti i presidenti. Ma lui ci ha creduto anche se non ci conoscevamo prima, decidendo in base ai colloqui. Ci ha sempre sostenuti anche nei momenti difficili o dopo qualche sconfitta, valutando più il lavoro svolto sul campo che il singolo risultato. Questo sua caratteristica l’ho apprezzata tantissimo e gli sarò sempre riconoscente per la possibilità che mi ha dato.

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
LinkedIn
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS