Saranno stati in molti ad essere usciti stupiti dal Comunale di Mendrisio al triplice fischio dell’amichevole tra la formazione di Francesco Ardemagni e il Locarno di Remy Frigomosca.

Se lo scarso cinismo dei padroni di casa trova risposta nell’apparente carico di lavoro sulle gambe, non si può dire lo stesso per quanto visto dal dinamico Locarno disegnato dall’ex allenatore del Losone.

Acquisti mirati e un nuovo spirito. Questi i primi connotati che la compagine del presidente Nicora ha mostrato nel corso delle prime due uscite.

Se la difesa è egregiamente diretta da Marco Perazzo, autore tra l’altro della rete del momentaneo 0-2, le chiavi del reparto offensivo sono affidate all’esperto Pollini, è il centrocampo a ben impressionare in questi primi 180′ di calcio estivo.

In particolare brilla l’argentino Facundo Pino, centrocampista argentino già in mostra nell’amichevole contro il Lugano.

Il Locarno 2017-18 si è dimostrato una squadra con un’identità ben precisa e chiara, come le intenzioni delle dirigenza pronta a riportare il Locarno “ai tempi d’oro”.

Se la vittoria contro il più quotato Mendrisio è stata solo un fuoco di paglia, lo scopriremo venerdì 21, quando i verbanesi affronteranno l’ambizioso Paradiso nel terzo incontro amichevole.

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
LinkedIn
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS