SalaDopo il torneo Econord di Rancate, abbiamo scambiato due chiacchere con Nicolò Sala, uno dei protagonisti della grande stagione del Chiasso U20. La sua ex squadra infatti, in una sola stagione ha vinto la Coppa Ticino ed il campionato Coca Cola. Per il 19enne di Novazzano si tratta della prima esperienza in una squadra di attivi.

Nicolò, avete una nuova squadra. Come sta andando?

“Sta andando bene. Sin da subito abbiamo notato che possiamo essere una grande squadra, anche se ci sono parecchi nuovi giocatori. Questa squadra è molto giovane, ma abbiamo già trovato un’ottima intesa. La qualità c’è, ma dobbiamo ancora continuare ad allenarci come fatto sin d’ora.”

Passi da una squadra che ha vinto il campionato svizzero U20 a una squadra che ultimamente lotta per la salvezza. Com’è per te?

“Posso dire che vivrò l’altra faccia della medaglia. Nell’ultimo anno abbiamo sempre giocato da protagonisti e abbiamo sempre dovuto fare noi la partita, mentre adesso mi trovo in una squadra che negli ultimi anni si è salvata sempre nella seconda metà di campionato. L’approccio alle partite sarà sicuramente diverso, infatti ci dovremmo difendere molto bene e sfruttare ogni occasione. Devo ammettere che però, sin dal primo giorno, ho capito che questa squadra potrà fare un ottimo campionato.”

sala 2

Che cambiamento è per te passare da una giovanile ad una squadra di attivi?

“Ci sono parecchie differenze passare da una giovani ad una squadra di attivi. Per citare alcuni esempi, il gioco qui è molto più veloce e l’aspetto fisico conta molto di più, infatti ci sono molti più contrasti ora, e spesso ti vai a confrontare con gente con molta più esperienza di te. Sicuramente contano molto anche i dettagli. Ogni giocatore dovrà sicuramente dare il tutto per la squadra e non pensare a se stesso. Dobbiamo lottare tutti per un unico obiettivo.”

L’obiettivo della stagione rimane la salvezza o puntate più in alto?

“In primo luogo puntiamo a salvarci il prima possibile, poi una volta trovata questa possiamo giocarci partita per partita.”

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
LinkedIn
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS