Foto Eric Lafargue http://www.tdg.ch/

La preparazione per la partita più critica della fase a gironi dell’Europa League non è stata ideale per lo Young Boys.

Perdere alla Pontaise ha insinuato nell’ambiente giallonero quei dubbi che praticamente ogni anno si ripresentano. I tre punti di vantaggio sullo Zurigo e i cinque sul Basilea non sono certo un margine confortante, ma almeno in Super League gli uomini di Hütter guidano il gruppo.In Europa League, invece, dopo la trasferta di domani all’NSK Olimpiyskyi di Kiev contro la Dinamo gli svizzeri rischiano di trovarsi a inseguire anche il secondo posto. Già distanziati di quattro lunghezze dagli ucraini e attualmente a pari punti con Skënderbeu e Partizan (che si affronteranno sempre domani sera a Elbasan), lo Young Boys è allo snodo fondamentale della sua stagione di Europa League.

Per conquistare l’obiettivo prefissato, cioè i sedicesimi di finale, i gialloneri dovranno tentare di strappare almeno un punto nella capitale ucraina.

Sul fronte continentale, però, gli uomini del bielorusso Khatskevich non scherzano e soprattutto tra le mura amiche appaiano imbattibili: nelle ultime quattro sfide casalinghe si sono imposti una volta per 6-0 e in tre occasioni per 3-1. Uno di questi 3-1 i biancoblu lo rifilarono proprio allo Young Boys nel terzo turno preliminare di Champions, poi ribaltato dal 2-0 a favore dei bernesi nella capitale elvetica.

Lo Young Boys in trasferta in Europa non vince da undici partite: tre pareggi e otto sconfitte. Difficile invertire la tendenza, in particolare quando alcuni dei pezzi da novanta dei bernesi – Hoarau, Bertone, Benito e Sulejmani – potrebbero essere assenti.

La probabile formazione degli svizzeri nel confronto arbitrato dal finlandese Gestranius sarà: Van Balmoos; Mbabu, Nuhu, Rochat, Joss; Lotomba, Sow, Sanogo, Fassnacht; Assalé, Nsame.

 

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
LinkedIn
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS