Le competizioni internazionali hanno permesso alla Svizzera di guadagnare altri tre posti.

Nonostante la diffidenza e l’incompetenza di chi continua a collocare il calcio svizzero tra i minori in campo europeo, le fasi a gironi di Champions ed Europa League, hanno invece confermato la crescita continua del movimento rossocrociato. Il dodicesimo posto nella classifica UEFA degli ultimi cinque anni, decisiva a fine stagione per attribuire i posti nelle coppe continentali per il 2019-20 è un risultato di ottimo lavoro.

La nazioni tra l’11esimo e il 15esimo posto manderanno infatti tutte quante cinque clubs in Europa: ritrovarsi oggi tra le prime 12 è importante anche e soprattutto per evitare turni di qualificazione prima dalle fasi a gironii. Al momento la Svizzera, che ricordiamo sarà rappresentata in primavera dal Basilea negli ottavi di Champions League tra le migliori 16 squadre d’Europa, precede l’Olanda, rimasta senza rappresentanti sia in Champions che in Europa League nonostante l’exploit finale del Feyenoord.

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Visit Us
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS