Alle 16 di domani aprono l’ultimo turno dell’anno le gare di Basilea e Berna, poi il big match Yverdon-Nyon e domenica alle 14.30 il posticipo al “Comunale” tra granata e bianconeri. Si chiude sabato 23 novembre con le Under 21 di Zurigo e Basilea. Jemmi fa pretattica: «Mancherà soltanto un giocatore della rosa, ma non dico chi».

CONCLUDERE AL MEGLIO IL 2019 – Tre settimane fa, il mondo sembrava fosse crollato addosso al Bellinzona. Due settimane fa, la dipartita del tecnico Maurizio Jacobacci e i granata rimasero senza allenatore. Il punto più basso nella stagione del Biscione. Ma spesso è proprio quando si tocca il fondo che s’inizia a risalire. I primi segnali di crescita si erano visti a Martigny, con la 21 del Sion nell’ultima gara del tecnico bernese, e sono stati confermati nel pareggio casalingo contro il Nyon con Jemmi per la prima volta in panchina.

Poi subito la punta più alta dell’iceberg, contro l’Yverdon, unica squadra imbattuta in tutto il girone di andata: vittoria per 1-0 al “Comunale”, 75 giorni dopo l’ultima volta, e 2° posto a 4 lunghezze. «Chiaro che quella coi vodesi è stata una piccola impresa, ma coi giocatori che abbiamo era una partita al nostro livello», ha tenuto a sottolineare ai nostri microfoni l’allenatore Valerio Jemmi che smorza gli entusiasmi e vola basso.

«Mi auguro che cresceremo ancora – ha continuato –, nell’ultima gara che ci aspetta e nell’anno prossimo. E se l’Yverdon dovesse perdere altri punti, dovremo essere pronti ad avvicinarci. Tra l’altro, domenica c’è uno scontro diretto importante». Proprio così, è quello tra i biancoverdi e il Nyon che, con una clamorosa vittoria allo “Stade Municipal”, si porterebbe a -8 dalla capolista con una gara da recuperare.

PRETATTICA E UN’ASSENZA MISTERIOSA – L’allenamento delle 18.30 di questa sera avrà sciolto i dubbi di Jemmi sugli 11 titolari? Probabilmente sì, ma il tecnico di Giubiasco non ha voluto sbilanciarsi, facendo un po’ di “pretattica”, come si suol dire. «Molto probabilmente confermerò il 4-2-3-1. Ho valutato tutti gli uomini a disposizione in questi ultimi allenamenti. È molto probabile che mancherà un giocatore per infortunio, ma a parte lui la rosa è al completo».

Come anticipato, Jemmi non ha voluto svelare niente per non lasciare nulla al caso e, soprattutto, per non lasciare informazioni in più a un Köniz che andrà al “Comunale” per riscattare un periodo molto negativo. A differenza dell’inizio stagione, in cui i bianconeri furono protagonisti di una partenza sprint con quattro vittorie nelle prime sei uscite, perdendo soltanto in casa proprio contro il Bellinzona di Gigi Tirapelle e l’Yverdon.

Anche stavolta, servirà la grande spinta del pubblico ticinese e l’energia inesauribile dei B’Zona Boys. L’allenatore granata chiede il supporto per i propri ragazzi: «Mi aspetto un grande affetto verso la squadra. È l’ultima gara di campionato e sarebbe utile avere ancora un folto pubblico al nostro fianco per chiudere al meglio l’anno».

IL KÖNIZ E I SUOI NUMERI – Si diceva di un Köniz che non sta attraversando il miglior momento della stagione. Nelle ultime dieci gare, i bernesi hanno raccolto la pochezza di 8 punti. «Dopo due partite con squadre della Svizzera Francese – conclude Jemmi –, mi aspetto una partita completamente diversa. La mia squadra dovrà esser brava a gestire il pallone, situazione in cui siamo in grande crescita».

Nel pareggio esterno con il Cham, il tecnico Silvan Rudolf ha schierato un 4-3-3: Neuenschwander tra i pali; Stauffiger, Harambasic, Sablatnig e Carrasco in difesa; Melo, Naili e Mejdi in mediana; Arfaoui, Kasai e Wyder davanti. Attenzione in particolare alla fisicità della punta Kasaj e alla rapidità delle due ali. Bianconeri e granata si affrontarono anche nella passata stagione.

La gara di andata si giocò sempre alla “Sportplatz Liebefeld”, ma al 14° turno. Il Bellinzona passò in vantaggio con Facchinetti (19’) e fu raggiunta nel finale della prima frazione da Morelli (43’), attualmente all’Yverdon. Il ritorno risale al 18 maggio scorso, quando i Sopracenerini salutarono il pubblico di Giubiasco con un roboante 4-0: ancora Facchinetti ad aprire le marcature (8’), raddoppio di Yesilcayir (40’), tris di Italo (68’) e poker di Stojanov (80’).

In 193 gare di Promotion League (settima stagione nella terza lega elvetica), il Köniz ha raccolto uno score equilibrato di 76 vittorie, 51 pareggi e 66 sconfitte per un totale di 278 punti con 311 gol segnati e 291 subiti.