A metà campionato, l’ACB ha già perso tante partite quante quelle della scorsa stagione. Ora, una dura prova in casa dei vallesani per agganciarli in classifica. Jacobacci: «Momento sfortunato».

TROPPE SCONFITTE – 4 punti nelle ultime cinque gare sono veramente troppo pochi per una squadra che voleva competere per la vittoria del campionato. Ora che questo obiettivo sembra sfumato quasi del tutto (l’Yverdon 1° in classifica ha quasi il doppio dei punti del Bellinzona), bisognerà centrare l’obiettivo minimo stagionale che corrisponde alla qualificazione per l’Helvetia Coppa Svizzera anche nella prossima stagione.

Il dato preoccupante in casa ACB è soprattutto quello che riguarda le sconfitte: sei, più di quelle incassate nella passata stagione. Un numero che spiega le difficoltà caratteriali, oltre che tattiche, di un gruppo che non riesce o a recuperare il risultato – come è accaduto nelle ultime settimane (vedi le gare casalinghe col Basilea Under 21 e con l’Etoile Carouge) – o a mantenere anche soltanto un punticino che senza dubbio aiuterebbe più di uno zero (vedi la trasferta a Cham di sabato scorso).

Poi va senza dubbio aggiunta anche un po’ di sfortuna. All’“Eizmoos” dopo pochi minuti dal fischio d’inizio c’era un rigore per trattenuta in area su Cortelezzi, non ravvisata dal direttore di gara. Ciò non toglie che la mancanza di precisione sotto porta stia pesando eccome sulla classifica e sul morale dei granata, ancora più sotto i tacchetti dopo una sconfitta arrivata in superiorità numerica contro una squadra che, fino a quel momento, aveva vinto soltanto due gare su tredici.

 

TROPPI INFORTUNI – Inoltre, non si ferma la grana infortuni, anzi rincara la dose. Sabato, Quadri è stato costretto a uscire al 36’ del primo tempo per un infortunio alla spalla ed è probabile che debba essere operato, rischiando di concludere anzitempo la propria stagione; Magnetti ha abbandonato il campo al 63’ per un problema alla coscia che si assomma a un polpaccio non ancora al 100%; infine, Russo è uscito a poco più di cinque minuti dalla fine, al momento decisivo della contesa, per un risentimento muscolare.

A questo punto, è veramente complicato capire quali soluzioni possa pensare e di conseguenza quale squadra possa schierare il tecnico Maurizio Jacobacci per la trasferta a Martigny contro la 21 del Sion, sorprendentemente al 5° posto nonostante le recenti sconfitte in casa del Breitenrain e dello Young Fellows. Mentre il Bellinzona, in seguito alla vittoria di martedì del Köniz a Bavois, è scivolato al 10° posto, più vicino alla zona retrocessione (6 punti) che al 1° posto (16 punti). «Questa partita nasconde delle insidie come tutte le altre – ha detto ai nostri microfoni l’allenatore del Biscione –, non è più complicata di quelle già giocate. Non preparerò la gara in funzione dell’avversario, ma del nostro gioco e di come vogliamo interpretarla».

 

SION E NUMERI – Ancora più difficile sarà capire l’undici titolare dei vallesani di Sébastien Bichard, avendo tanti giocatori a disposizione. Alcuni, però, potrebbero andare a rimpolpare la prima squadra del Sion che domani alle 19 giocherà una partita fondamentale col Servette per interrompere la striscia negativa di quattro sconfitte consecutive. A Berna contro il Breitenrain, il 36enne tecnico francese ha schierato i seguenti uomini dal primo minuto: Kuquk, Muminovic, Kabashi, Saintini, Sergi, Theler, Cotter, Kutlu, Barrenechea, Rodrigues. Ci saranno sorprese come in ogni partita disputata da una Under 21.

Sono soltanto due i precedenti tra i ticinesi e i biancorossi e sono quelli risalenti alla scorsa stagione in Promotion League. Il 3 novembre 2018 (15ª giornata) al “Comunale” di Bellinzona finì 1-0 grazie al gol decisivo di Italo a inizio ripresa. Il 25 maggio scorso, all’ultima giornata di campionato presso lo “Stade d’Octodure”, non ci fu storia: dopo mezz’ora le reti di Magnetti e di Yesilcayir, nel finale anche di Stojanov, ottenendo il quarto clean sheet consecutivo per un totale di 405’ d’imbattibilità della porta granata. In 221 gare di Promotion League (ottava stagione consecutiva nella terza lega elvetica), il Sion ha raccolto uno score equilibrato di 84 vittorie, 52 pareggi e 85 sconfitte per un totale di 304 punti con 333 gol segnati e 344 subiti.