Per ora, la squadra di Anthony Braizat rimane inattaccabile. Nella 14ª crollano Nyon e Rapperswil. In coda, torna a tremare lo Young Fellows.

YS, IL JOKER È FABIO MORELLI – A dieci minuti dal termine della partita, 120 secondi dopo il suo ingresso in campo, il 24enne neocastellano Fabio Morelli ha messo la firma sull’unica rete che ha permesso all’Yverdon di domare la 21 del Basilea. Complici le contemporanee sconfitte di Rapperswil-Jona e Stade Nyonnais, i vodesi di Tony Braizat hanno allungato in classifica mettendo ora una seria ipoteca sulla promozione in Challenge League.

Nei minuti di finali di una partita complicata da sbloccare, Morelli ha fatto tutto per proprio conto finalizzando l’azione personale con un diagonale rasoterra che non ha dato scampo a Jaustin Hammel. I quasi 600 spettatori del “Municipal” hanno così potuto festeggiare l’undicesima vittoria in quattordici partite. Ad una giornata dal termine del girone di andata e a tre giornate che separeranno le squadre dagli oltre 100 giorni di lunga pausa, l’Yverdon ha ora la certezza matematica di chiudere la prima parte di stagione con il titolo di campione d’autunno.

 

RISCATTO GRANATA A MARTIGNY, MAGNETTI SEMPRE DECISIVO – Nella cornice dell’“Octodure” – stadio che ha vissuto i fasti della LNB a due gironi – il Bellinzona non ha lasciato alcuna possibilità di fare una buona figura alla 21 del Sion. Per i giovani di Bichard – ex tecnico del Nyon – è stato già un successo limitare i danni dopo un’entrata in partita disastrosa. Sugli scudi tanto per cambiare “Gas” Magnetti che, grazie alla doppietta realizzata in Vallese, ha avvicinato in classifica marcatori con 8 reti il Top Scorer Adrian Alvarez, a secco per la seconda gara consecutiva nel pareggio (1-1) tra Black Stars e Bavois.

Dopo quelli contro Köniz e Bavois, è arrivato il terzo clean sheet stagionale per Ulisse Pelloni. Ci sarà dunque grande attesa la prossima settimana quando al “Comunale” arriverà lo Stade Nyonnais che in classifica precede ora il Bellinzona di cinque lunghezze. I gialloneri sono stati battuti per 1-0 a Colovray dal Cham. Di fronte a soli 200 spettatori, la squadra di Ricardo Dionisio non è riuscita a ribaltare lo svantaggio causato da una clamorosa autorete del difensore centrale Rayan Kadima in apertura di ripresa sugli sviluppi di una ripartenza dei confederati.

 

ETOILE CAROUGE ANCORA VITTORIOSO – Lo straordinario mese di ottobre dell’Etoile Carouge – imbattuto dal 25 settembre – si è concluso con il tennistico 6-1 rifilato allo Young Fellows (foto) di fronte al centinaio di anime presenti nella triste cornice della “Juchhof” di Zurigo. Mattatori con una doppietta ciascuno, Lakdar Boussaha (salito a quota 8 in stagione) e Oscar Correia. Tra i ginevrini, ancora in infermeria un uomo fondamentale quale Mat Vitkieviez. I bianconeri di Bektesevic (un punto nelle ultime tre partite) sono ora sotto la linea in compagnia del Münsingen, battuto 3-0 alla “Heerenschürli” dalla 21 dello Zurigo.

Si è invece temporaneamente risollevato il Breitenrain che, un po’ a sorpresa, ha sconfitto alla “Spitalacker” per 2-1 il Rapperswil. Ha deciso l’incontro a dieci minuti dalla fine una rete di Kastrati, la sua quinta stagionale. In un quarto d’ora, il Brühl si è liberato dei fantasmi delle ultime prestazioni negative ed è andato a sbancare la “Liebefeld-Hessgut”. 3-0 il risultato finale a favore delle corone che hanno trovato la via del gol a metà ripresa con il solito Abegglen e con una doppietta di Anic. I sangallesi si sono così ripresi il 4° posto a scapito del Black Stars. Per il Köniz (seconda difesa più battuta del torneo) si è trattato della settima sconfitta stagionale.

 

E ORA, SOTTO CON LA COPPA – Saranno due le squadre di Promotion League impegnate durante la settimana negli ottavi di finale di Coppa Svizzera ed entrambe con la ghiotta opportunità di approdare a quelli che sarebbero storici quarti. Infatti, sia il Bavois che il Rapperswil sembrano di fronte ad impegni agevoli, anche se la Coppa riserva storicamente grandi incognite. La compagine romanda di Bekim Uka giocherà ad At.Aubin contro il Béroche-Gorgier, compagine di seconda lega.

Forse un po’ più temibile la trasferta che il Rapperswil dovrà sostenere a Bulle contro una squadra che ha estromesso dalla competizione prima il Chiasso e poi il Sursee. Sin qui graziato dall’urna, il Bavois ha estromesso prima una squadra di quarta e poi una di prima classic. Gli ottavi della HCS, orfani di squadre ticinesi, avranno quali incontri più attesi Grasshopper-Lucerna, Losanna-Xamax, Young Boys-Zurigo e Winterthur-Thun.