Alla squadra di Gigi Tirapelle, è bastato meno di un quarto d’ora per festeggiare uno degli obiettivi della trasferta in Vallese: il centesimo goal in maglia granata di Gaston Magnetti.

Sfuggita la scorsa settimana nell’ultima partita interna, la 15esima rete stagionale non si è fatta attendere contro la 21 del Sion ed ha spalancato le porte sulla 16esima vittoria di un campionato da 58 punti. Nulla da fare invece per quanto concerne l’assalto al secondo gradino del podio che l’Yverdon ha difeso anche in questa ultima giornata andando a battere per 4-0 il Koeniz a Liebefeld.I granata si sono imposti per 3-0, mettendo già al sicuro il risultato dopo mezz’ora di gioco grazie al raddoppio di Bahadir Yesilcayir, autore anche la scorsa settimana del temporaneo 2-0. La terza rete è arrivata nel finale ed è stata opera di David Stojanov, entrato da qualche minuto e subito a bersaglio. Tra i pali, Aleandro Prati ha tenuto inviolata la propria rete (salvandola in particolare nel finale di primo tempo sventando in uscita una pericolosa opportunità dei padroni di casa) ed il quarto clean sheet consecutivo ha permesso al Bellinzona di chiudere il campionato con un’imbattibilità di 405 minuti.

I granata hanno totalizzato 32 punti nelle 15 partite della seconda fase, gli stessi di Yverdon e SLO rispetto alle quali ha però chiuso con una miglior differenza reti: il Bellinzona ne aveva totalizzati 26 nelle prime 15 gare.

Mister Tirapelle non manca di esprimere tutta la propria soddisfazione al termine della partita: ” I ragazzi anche oggi mi hanno positivamente sorpreso. Hanno giocato uno dei migliori primi tempi di tutta la stagione e mi si creda, lo hanno fatto contro una signora squadra che non si è mai arresa e che nei primi venti della ripresa ha prodotto un forcing che ci ha messi in notevole difficoltà. Sono felice per i 100 goal granata di Magnetti; per come abbiamo interpretato la partita; per come Prati si sia mostrato un ottimo portiere quando siamo stati in difficoltà. Sono contento anche per la società e poi ci tenevo personalmente a chiudere bene, da miglior squadra del 2019″.

Il Bellinzona ha forse accusato un calo più mentale che fisico nei primi 20′ della ripresa e va dato atto al Sion (che ha colpito anche un palo) di aver creduto in una possibile rimonta fino al goal di Stojanov che ha messo fine al discorso per i tre punti.