Sesto posto in classifica a 18 punti, solo uno in più rispetto all’anno scorso, ma le sensazioni intorno alla squadra sono completamente diverse: oggi i rossoneri sono vivi e l’impressione è che il bello debba ancora venire

Girone di andata positivo per il Cadenazzo di Maurizio Berriche. Forse, addirittura al di sopra delle aspettative. L’anno scorso i rossoneri avevano iniziato la stagione di Seconda Lega con grandi ambizioni, per poi ritrovarsi a lottare per la salvezza, ottenuta in anticipo ma con un po’ di apprensione. Quest’anno, anche se i punti raccolti sono più o meno li stessi (18 contro i 17 del campionato 2018/19), le sensazioni sono opposte: il Cadenazzo si è mosso bene, ha sempre combattuto alla pari, e il percezione generale è che la squadra qualche punto in più lo avrebbe probabilmente meritato.

IN LINEA CON LE RICHIESTE DELLA SOCIETÀ

«È stato un buon girone di andata – racconta mister Maurizio Berriche – siamo in linea con quanto volevamo ottenere e con quello che ci ha chiesto la società. Penso che la classifica (6° posto con 8 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, ndr) rispecchi il nostro valore anche se, come forse vale per tutte le altre squadre, abbiamo qualcosa da recriminare in alcune singole partite. Vedi le sfide di campionato contro Malcantone e Morbio, oppure la partita di Coppa Ticino con il Balerna».

A SINISTRA DEL TELETEX

«Ai miei tempi quando si guardava la classifica del Teletex e si era nella parte sinistra della schermata significava che andava tutto bene. Oggi il Cadenazzo è nella parte sinistra e questo vuol dire che dietro di noi ci sono setto/otto squadre, questo mi fa ben sperare per il girone di ritorno».

VIETATO RILASSARSI

«Tuttavia, a essere sincero – continua l’allenatore rossonero – nonostante debba fare i complimenti ai ragazzi, una cosa in questa andata non mi è piaciuta: dopo la vittoria in casa del Balerna ho notato che la squadra si è un po’ rilassata. Non doveva succedere. Infatti nelle due partite successive contro Minusio e Sementina, che potevano e dovevano essere due vittorie, abbiamo raccolto due pareggi. Merito degli avversari, ma anche demerito nostro»

ASCONA E MORBIO DA RICORDARE

«Tre le migliori partite – ricorda Berriche – metto Ascona (vittoria 2-0) e Morbio (sconfitta 4-2). Contro l’Ascona abbiamo messo in campo tanta intensità. I ragazzi mi sono piaciuti soprattutto a livello mentale, perché hanno affrontato e vissuto la gara nel modo giusto, contro una squadra che come noi aveva bisogno di punti importanti. Contro il Morbio, invece, nonostante la sconfitta, è stata forse la partita in cui abbiamo espresso il calcio migliore. Nel girone di ritorno dobbiamo confermare e migliorare quanto abbiamo fatto nella prima parte dell’anno, per raggiungere il prima possibile la quota salvezza (l’anno scorso il Cademario si è salvato a 24 punti, ndr)».

SALTO MENTALE, NON CI MANCA NIENTE

«Ai miei giocatori – conclude mister Berriche – chiedo di fare un ulteriore salto in avanti a livello mentale. Nel cercare sempre la vittoria, anzi meglio, nel cercare sempre con insistenza la prestazione. Senza mai accontentarsi. Lo dico perché conosco le qualità dei miei ragazzi. Ci sono. Siamo un bel team, con Pato, Aleardo e Micheal riusciamo a coprire bene ogni aspetto che riguarda la squadra e in più abbiamo alle spalle una società che ci asseconda in tutto e per tutto. Non ci manca niente per toglierci delle belle soddisfazioni».

CLASSIFICA – SECONDA LEGA

PTGVNPPPGFGS
Arbedo31121011-333111
Malcantone2712831-19208
Morbio2712831-423114
Castello2413733-492416
Balerna2012624-282215
Cadenazzo1813535-352121
Vedeggio1712453-621921
Sementina1613517-422019
Vallemaggia1513436-371421
Ascona1312345-371217
Minusio1113256-321519
Coldrerio1113328-721220
Rapid Lugano 11013319-401227
Cademario5131210-571034

RECUPERI – 13ª GIORNATA

Mercoledì 4 marzo Vedeggio – Balerna (20.30 Cadempino, Cadempino)

Mercoledì 4 marzo Arbedo – Morbio (20.30 Al Ponte, Arbedo)

Mercoledì 4 marzo Malcantone – Ascona (20.45 Roque Maspoli, Caslano)