Nonostante le tre sconfitte consecutive, il Novazzano occupa sempre una posizione di classifica interessante nel gruppone di squadre che seguono a debita distanza la capolista Goldau.  Sono infatti 6 le squadre raccolte in soli due punti. Avversario dei ragazzi di Meroni sarà la matricola Altdorf che ha conquistato alla Gemeindesportplatz tutti i 12 punti che consentono temporaneamente di occupare l’undicesimo posto, un gradino sopra la linea. La squadra di Pedro Somoza esprime il meglio delle proprie qualità battagliere e speculari proprio sul “campaccio” di casa. Tutta altra musica in trasferta dove sono sempre emerse le difficoltà nel riuscire a fare gioco. Ne sono susseguite quattro sconfitte con una differenza reti di 14-2.

Tuttavia, ad esempio al Lido di Locarno, la squadra non ha demeritato, lasciando intendere che di fronte ad una prestazione mediocre del proprio avversario potrebbe anche fare un pensierino ad un risultato utile. Da seguire particolarmente Mavembo Calderon, giocatore che non ha necessità di presentazione e che con le sue 4 reti ha dato buon contributo alla causa della sua squadra.

Sul conto del Novazzano va scritto prima di tutto che l’insuccesso di Goldau ha comunque dato buone indicazioni a Damiano Meroni, tutto sommato soddisfatto per la reazione della sua squadra dopo la sconfitta interna con il Perlen. Il contesto nel quale si è consumata la quarta sconfitta stagionale ha finito per rivalutare ed apprezzare il discreto gioco dei momò che hanno concesso alla capolista esclusivamente transizioni.

Ci si attende dunque un Nova capace di tornare al successo e di riprendere la marcia che possa garantire un campionato ancor più ambizioso di quanto non sia il traguardo minimo della società.