È un mister Maurizio Ganz che non riesce ancora a credere al blackout avuto dai suoi ragazzi negli ultimi minuti della sfida con il Kickers Lucerna

I gialloneri, avanti di due reti fino a quattro giri d’orologio dal termine del tempo regolamentare, si sono fatti infilare per ben tre volte, consentendo ai confederati di conquistare un insperato successo.

“È una sconfitta che brucia – ci confida il tecnico del Taverne -, perché abbiamo tenuto in mano la partita per 86 minuti dopo aver chiuso il primo tempo sul 2-0 e con loro che non hanno mai tirato in porta. Abbiamo vissuto 7 minuti di pazzia totale. In quel lasso di tempo siamo riusciti a prendere tre gol, che neanche se ci metti d’impegno subisci. È impossibile, nemmeno a pensarlo. È incredibile. Abbiamo sprecato una vittoria pazzesca”.

“Ora, dobbiamo calarci nell’umiltà più totale, pensare che abbiamo sbagliato quei dieci minuti finali e buttarci a capofitto e al 100% verso la prossima partita. Nell’ultima parte non siamo stati umili, forse pensavamo di aver già vinto facilmente. Ho effettuato quattro cambi, che non si sono resi sufficientemente appropriati. Non che sia colpa dei subentranti, ma dal momento che si è in campo bisogna dare il massimo. Secondo me, non è stato così”.

“Un po’ i cambi che non hanno dato la svolta e la concentrazione di chi è rimasto dentro, unita a un po’ di stanchezza, han fatto sì che siamo riusciti a perdere una partita incredibile. Mi dispiace molto. Ai ragazzi chiedo testa alta e pensiero al prossimo incontro di Sursee, dove cercheremo di fare risultato”.