L’aver replicato il 3-1 contro l’Emmenbrücke anche con gli zughesi dell’Aegeri ha fatto fare un bel balzo in classifica al Taverne, che si ritrova ora quinto a quota 16 punti, a pari con i rivali cantonali del Novazzano

I gialloneri di mister Damiano Meroni hanno chiuso un’altra settimana piena di appuntamenti nel modo migliore possibile, confermando di possedere le qualità per giocarsela contro chiunque. E proprio al tecnico sottocenerino abbiamo affidato il racconto della sfida di ieri sera. Ecco la sua analisi:

«Ci aspettavamo una partita fatta di gioco fisico, palla lunga e seconda palla… non ci sbagliavamo. Dopo 10 minuti un calcio d’angolo concesso ha fatto in modo che subissimo la rete. La palla viene messa così sul punto di centrocampo e per il Taverne suona la sveglia.

Dieci minuti più tardi Inguimbert si inventa l’1-1 trascinandosi, e lasciandosi alle spalle, 3-4 avversari e trafiggendo il portiere svizzero-tedesco. Da qui fino alla pausa, Pallone, Fontana e ancora Inguimbert hanno tre occasioni per il vantaggio che non arriva.

Il secondo tempo si snoda sulla falsariga del primo, ma bisogna aspettare fino al 70′, quando Fontana realizza il meritato vantaggio. Obbligati a scoprirsi per cercare il pareggio, gli ospiti lasciano spazi in avanti e capitan Pallone dai 20 metri lascia partire il tiro del definitivo 3-1.

È una vittoria meritata, un applauso a tutti i ragazzi per l’impegno profuso, indipendentemente se sono partiti dal primo minuto o sono stati utilizzati a partita in corso. Ora, testa ai prossimi, stimolanti, impegni contro Mendrisio e Rotkreuz».

Potrebbero interessarti anche queste notizie: