Prima parte di stagione da incubo per l’Insubrica di Palombella, ma la società non ha nessuna intenzione di arrendersi: autocritica e voglia di riscatto, questi i due ingredienti principali per credere ancora nella salvezza

Dire che il girone di andata dell’Insubrica (Terza Lega, Gruppo 1) sia stato negativo è forse addirittura un eufemismo, sì perché la squadra di mister Davide Palombella ha davvero fatto tanta fatica: ultimo posto in classifica, zero vittorie, due punti conquistati, secondo peggior attacco e seconda peggior difesa del campionato. Una serie di dati che stridono ancor di più se confrontati con quelli tutti positivi della passata stagione, la prima in assoluto in Terza Lega per la matricola Insubrica, chiusa con un bellissimo sesto posto.

Tuttavia, nonostante le delusioni dei primi tre mesi di campionato, una cosa l’Insubrica non sembra proprio aver perso: la voglia di lottare, senza nascondersi, mettendoci sempre la faccia e il cuore.

RIPARTIRE DALLE PRESTAZIONI

««Sapevamo – racconta Patrick Bianchi, presidente dell’Insubrica – che sarebbe stato un campionato equilibrato e combattuto, ma devo ammettere che speravamo di fare più punti. È stato un girone di andata molto difficile, soprattutto a livello di punti raccolti, nessuno si aspettava che fossero così pochi. Viceversa, per quanto riguarda le prestazioni, a parte qualche sonora sconfitta contro le big, quelle ci sono sempre state. Non lo dico io, ma i nostri avversari, che dopo ogni partita si stupivano e ci chiedevano come mai fossimo così in basso».

I MOTIVI DELLA CRISI

«Non c’è un singolo motivo che spieghi il nostro trend negativo: sono molteplici e le colpe vanno distribuite tra tutti. Io per primo mi prendo le mie. Non mi piace trovare scuse. Potevamo e dovevamo fare meglio, ne siamo consapevoli. Detto questo, però, devo anche ammettere che abbiamo avuto tante difficoltà in fase di preparazione estiva, soprattutto per le assenze, sia legate alle ferie sia per gli infortuni. Cito soltanto un dato: Maki, il nostro miglior acquisto estivo, si è fatto subito male alla prima giornata e per tutto il girone di andata non è mai stato al 100%. Inoltre, qualche elemento che pensavamo potesse aiutarci, o ha lasciato oppure non ha reso secondo le attese».

HO DORMITO POCO, MA SONO FIDUCIOSO

«Quando entri in un circolo vizioso – continua il presidente Bianchi – è difficilissimo uscirne. In comitato e con la squadra abbiamo parlato spesso per cercare di capire come poter invertire la rotta. Diciamo che in questo girone di andata ho dormito poco. Però sono contento di una cosa: nonostante la situazione potesse diventare esplosiva, all’interno dello spogliatoio tutti hanno affrontato le difficoltà con grande maturità, impegnandosi e lavorando sempre al massimo. Ringrazio tutti di cuore per questo tipo di atteggiamento: con la forza del nostro gruppo e dalle prestazioni che ho visto in campo, sono convinto che la salvezza sia ancora un obiettivo alla nostra portata».

LA VIA VERSO LA SALVEZZA

«Come ho già detto penso che la squadra meritasse più punti degli appena 2 raccolti. Ma è con questa classifica inguardabile che oggi dobbiamo fare i conti. Ribadisco che la salvezza è ancora possibile ed è alla nostra portata. Nessuno all’interno della società ha tirato i remi in barca. Al contrario, siamo tutti motivatissimi a ribaltare la situazione in cui ci siamo cacciati. Durante la pausa invernale dovremo essere tutti bravi a cancellare dalla nostra testa la negatività che inevitabilmente si è creata in questi mesi. Inoltre, a marzo, dalla squadra mi aspetto tanta rabbia sportiva e tanta sana cattiveria, in campo. E per finire, dopo aver parlato con il nostro allenatore e concordato un piano comune, penso che anche noi della società dovremo muoverci, magari rinforzando e allargando la rosa attuale con qualche nuovo arrivo».

DAVIDE PALOMBELLA È UN GRANDE ALLENATORE

«Davide Palombella è un grande allenatore – spiega il presidente Bianchi, rispondendo a un’inevitabile domanda sull’attuale tecnico della squadra – molto preparato e motivato. Con lui due anni fa abbiamo ottenuto una storica promozione in Terza Lega, seguita l’anno scorso da un bellissimo sesto posto. Io personalmente ho visto quasi tutti gli allenamenti e le partite, se il tecnico avesse avuto la squadra contro non avremmo fatto certe prestazioni. È ovvio che qualche mugugno ci sia stato, ma in una situazione come la nostra è normale che sia accaduto».

«Per la società la cosa più semplice da fare sarebbe stata esonerare l’allenatore. Ma noi all’Insubrica crediamo prima di tutto negli uomini e faremo sempre così. Ovviamente non tutto ha funzionato, altrimenti non saremmo dove siamo, ma sono problematiche che possono essere risolte. Un allenatore che in questi anni ha fatto così bene, non può essere diventato un brocco dall’oggi al domani».

«Trovo che sia troppo facile dare le colpe all’allenatore. Invece credo che, a partire dal sottoscritto, dobbiamo tutti prenderci le nostre responsabilità. Mister Palombella ha tutta la mia fiducia, quella della società e soprattutto il nostro completo appoggio».

MERCATO SI, MA SENZA RIVOLUZIONI

«Abbiamo già parlato con il mister del prossimo mercato – conclude Bianchi – qualche innesto servirà sicuramente, e sappiamo con precisione in che ruolo. Ma la rosa non sarà né stravolta né rivoluzionata. Ho molta fiducia nella voglia di rivalsa che hanno i ragazzi, quindi come sempre punteremo forte sul nostro gruppo, quello che c’è già. Voglio ancora una volta precisare che qui all’Insubrica non c’è nessuna aria di smobilitazione: forse qualcuno, vista la classifica, potrebbe pensarlo, ma non è così. Non è nella mia mentalità, né in quella di nessun membro della società, l’idea di mollare. Al contrario: siamo tutti molto concentrati sulla salvezza, che proveremo a raggiungere ad ogni costo».

CLASSIFICA – TERZA LEGA (GRUPPO 1)

PTGVNPPPGFGS
Collina d’Oro33131102-21488
Agno 133131102-405314
Ligornetto33131102-49359
Rancate 12913922-363214
Maroggia2413733-522622
Comano2013625-432427
Lusiadas1713526-712837
Melide 11613517-362228
Monteceneri1613517-391922
Riva1313418-212848
Taverne 21313418-1352025
Vacallo713148-211837
Carassesi4121110-691347
Insubrica2120210-521543

RECUPERO – 13ª GIORNATA

Mercoledì 4 marzo Insubrica – Carassesi (20.45 Seseglio, Seseglio)