Tre sconfitte consecutive per i biancorossi che sono scivolati al penultimo posto: “non abbiamo paura, ma dobbiamo essere consapevoli che se tutti non danno il 100% andiamo in difficoltà”

Momento delicato per il Giubiasco, venerdì scorso contro il Solduno la squadra di mister Di Vittorio ha incassato la terza sconfitta nelle ultime tre partite scivolando al penultimo posto a -2 dalla salvezza (Claro e Carassesi). Anche nel girone di andata il Giubiasco aveva sempre dovuto lottare vicino alla zona retrocessione, ma la squadra poteva contare su tanta solidità difensiva che nelle ultime gare sembra essere sparita (10 gol subìti in 3 partite).

«È vero – racconta mister Adriano Di Vittorio – nel girone di andata la nostra arma in più era la difesa, invece adesso siamo più vulnerabili. Non cerco né alibi né giustificazioni: tutti quelli che scendono in campo devono prendersi le loro responsabilità, in special modo i giocatori di maggior esperienza, soprattutto nei momenti di difficoltà. Un bravo marinaio lo si vede nei momenti in cui c’è la tempesta, non quando il mare è calmo. Detto questo, però, nell’ultimo periodo si sono sommati una serie di imprevisti e di infortuni che purtroppo hanno decimato la rosa. Mi vengo in mente assenze importanti come quella di Matheus Firmino e Herbert Oliveira (che spero di recuperare dopo Pasqua), oppure quella del nostro portiere Jonathan Modesti, e ancora Williams Brunner e Roberto Gharib che nell’ultima contro il Solduno hanno stretto i denti pur non essendo nella condizione migliore (causa infortunio) per poter giocare».

«Ma, come ho detto, nonostante alcune difficoltà oggettive, non voglio assolutamente che la squadra trovi degli alibi. In questi casi – prosegue mister Di Vittorio – bisogna impegnarsi ancora di più, moltiplicare l’attenzione, dare sempre il 100%, aiutarsi tra compagni: solo così potremo superare questo momento. Contro il Solduno non lo abbiamo fatto, e siamo stati puniti anche per nostri demeriti e ingenuità, ad esempio il rigore con cui loro sono passati in vantaggio nasce da una situazione che dovevamo evitare».

«Siamo una squadra giovane – continua l’allenatore – in campo giochiamo sempre con due ragazzi della Allievi A, e contro il Solduno ho addirittura dovuto schierare tre Allievi B per tamponare delle assenze, quindi è abbastanza naturale che ci manchi un po’ di costanza nelle prestazioni e nei risultati. Però si può e si deve migliorare. Le partite le prepariamo sempre bene. Vanno invece azzerati gli errori, ed è per questo che chiedo un aiuto maggiore a quei giocatori che hanno più esperienza, non si può immaginare di dare questo tipo di responsabilità ai più giovani. Non abbiamo paura della classifica, a patto però che tutti abbiano ben in mente che solo dando sempre il 100% possiamo competere e contrastare i nostri avversari, se solo uno del gruppo cala di intensità allora tutta la squadra ne risente».

Il prossimo weekend il Giubisco affronterà il Ravecchia, una partita difficile contro una squadra che vorrà riscattarsi dall’ultima sconfitta subita contro il Claro per provare a rilanciarsi in classifica: «Il Ravecchia è una grande squadra – conclude Adriano Di Vittorio – Sono una bella realtà del calcio regionale e ho dei ricordi molto positivi di quando ero da loro come allenatore. A Ravecchia ho tanti amici, compreso il loro presidente (Antonello Ciaccio, ndr) che è stato un mio giocatore. Hanno sicuramente più esperienza di noi e in classifica siamo separati da 15 punti, ma credo che sarà comunque una bella partita, da vivere pienamente senza nessun timore».

CLASSIFICA TERZA LEGA – GRUPPO 2

PTGVNPPPGFGS
Sementina53191720-305714
Gordola36191135-753522
Solduno34191045-1093826
Monte Carasso3019937-524030
Ravecchia3019865-743931
Semine2919856-863634
Tenero Contra2819847-373134
Blenio2419667-722633
Moesa 12319658-2333741
Verscio2219649-882629
Claro17195212-492346
Carassesi17195212-552544
Giubiasco15193610-591829
Pro Daro14194213-682341