Grande girone di ritorno per il Moesa con una salvezza raggiunta in abbondante anticipo e una finale di Coppa Grigioni persa contro una squadra oggettivamente più forte

MOESA: VOTO 6.5

Buonissima stagione per il Moesa di mister Jeremy Pfisterer e voto forse un pochino avaro, che però tiene conto del non brillante girone di andata dei bianconeri, chiuso con appena due punti di vantaggio sulla zona retrocessione (3 vittorie, 3 pareggi e 7 sconfitte), ma anche con il merito di essere stata nelle prime 13 partite della stagione l’unica squadra ad aver tolto punti alla corazzata Sementina (1-1).

Nella seconda parte dell’anno, invece, il Moesa ha spiccato il volo totalizzando la bellezza di 22 punti (6vittorie, 4 pareggi, 3 sconfitte), raggiungendo la salvezza con largo anticipo e arrivando sino alla finalissima di Coppa Bündner (poi persa contro il Coira come già successo nell’edizione 2017/2018). Nel 2019 la squadra di Pfisterer (confermato anche per l’anno prossimo) ha sfornato tante belle prestazioni, guadagnandosi con pieno merito la permanenza in Terza Lega e potendo così festeggiare nel migliore dei modi il decimo anniversario della rifondazione della società, avvenuta nel 2009.

MISTER JEREMY PFISTERER

«Tutto sommato sono soddisfatto della stagione da poco conclusa – racconta l’allenatore bianconero – soprattutto del girone di ritorno dove abbiamo collezionato 22 punti contro i soli 12 del girone di andata. L’obiettivo principale era la salvezza e l’abbiamo raggiunta con diverse partite d’anticipo».

«Sono contento anche del cammino in Coppa Grigioni (Bündner) – continua Pfisterer –  in cui per il secondo anno consecutivo abbiamo raggiunto la finale, purtroppo è mancata solo la ciliegina sulla torta. Siamo stati sconfitti da una squadra più forte di noi, il Coira, formata da ragazzi U21 con un tasso tecnico più elevato rispetto al nostro, in più erano in campo anche alcuni giocatori della prima squadra dello stesso Coira di Seconda Interregionale. A fine partita i miei ragazzi erano molto delusi, ma ho detto loro che le finali le perdono chi ci arriva e che ero comunque fiero di quello che avevano fatto».

«Siamo arrivati a fine stagione, finale compresa, molto affaticati e numericamente contati, ma abbiamo sempre cercato di dare il massimo. Si può sempre migliorare ed è questo che cercheremo di fare tutti insieme il prossimo anno. Per me è stata la prima esperienza da allenatore, ho solo da imparare, ma ai ragazzi non recrimino proprio niente, anzi sono stati tutti eccezionali, come lo è stata la società che ha fatto un grande lavoro dietro le quinte per mandare avanti la “baracca”».

IL GIOCATORE NICOLA DECRISTOPHORIS

Nicola Decristophoris, centrocampista, numero dieci sulle spalle, il più forte. «È difficilissimo fare un solo nome, dire un giocatore invece di un altro: quest’anno potrei citarne tranquillamente almeno dieci o forse più. Non citerò né Ron Cereghetti né Stefano Lanza, i “vecchietti” della squadra che però con la loro presenza e passione sono stati fondamentali in tante partite, bensì farò il nome del giocatore che secondo me a livello di prestazioni, dedizione, qualità, miglioramento è al momento il più forte nel Moesano: Nicola Decristophoris. Non me ne vogliano i compagni, ma credo che anche loro siano d’accordo con me».

VERDETTI TERZA LEGA – GRUPPO 2

Primo posto (promossa in Seconda Lega): Sementina.

Secondo posto: Gordola.

Terzo posto: Monte Carasso.

Retrocesse in Quarta Lega: Giubiasco e Claro.

CLASSIFICA TERZA LEGA – GRUPPO 2

PTGVNPPPGFGS
Sementina68262222-528123
Gordola51261637-975733
Monte Carasso41261259-765140
Ravecchia41261187-1085346
Semine41261259-1094747
Solduno41261259-1345145
Tenero Contra372611411-524147
Moesa 134269710-2645359
Verscio30268612-1553841
Blenio29267811-823544
Pro Daro28268414-844152
Carassesi27268315-994459
Giubiasco22265714-912744
Claro21266317-1052968