Sant’Antonino, Pro Daro e Moesa si mette male; il Semine ritrova in un colpo solo gol e solidità, Tenero Contra e Monte Carasso vogliono restare con le grandi

Il Losone vince il big match contro il Gordola e passa la palla al Solduno che deve rispondere battendo il Riarena per non lasciare ai neroarancio il comando solitario della classifica. Prove convincenti di Tenero Contra e Monte Carasso che salgono momentaneamente al terzo posto scavalcando Verscio (in campo oggi) e Gordola (sconfitto). Seconda vittoria stagionale per il Semine, per nulla scontata in casa degli Azzurri. Sant’Antonino, Pro Daro e Moesa i passi falsi iniziano a essere troppi, la classifica si sta facendo preoccupante.

Sant’Antonino – Monte Carasso 2-5 – Manita del Monte Carasso in casa del Sant’Antonino. Risultato praticamente mai in discussione dopo che gli ospiti vanno in gol tre volte nei primi venti minuti di gara: 2’ rigore di Iani, 5’ Morelli e 19’ Petrovic. Al 24’ il Sant’Antonino prova a rientrare accorciando le distanze con Ersi Muha, ma poi la partita prosegue in equilibrio e senza gol sino ai minuti di recupero quando in successione segnano: Mazzei (92’ Monte Carasso), Angelo (93’ Sant’Antonino) e Ferraboschi (94’ Monte Carasso).

Azzurri – Semine 1-4 – Poker del Semine in casa degli Azzurri, un campo difficile contro una squadra che arrivava da quattro risultati utili consecutivi. Nel primo tempo ci pensa Fabio Caruso a mettere le cose in chiaro realizzando una doppietta e permettendo agli ospiti di andare al riposo avanti 2-0. Al 53’ 3-0 di Giuseppe Benincasa (Semine) e al 54’ 3-1 di Mattia Lamanna (Azzurri). Dieci minuti più tardi definitivo 4-1 di Michele Tundo.

Gordola – Losone 1-3 – Prova di forza per la capolista Losone che con calma olimpica si sbarazza del Gordola. Neroarancio subito in vantaggio con Senger (8’) e raddoppio di Caminos appena dopo la mezz’ora. Appena prima dell’intervallo il Gordola resta in dieci uomini per l’espulsione di Rigon (rosso diretto) e al rientro dagli spogliatoi il Losone chiude di fatto il match colpendo per la terza volta con Cordonier (3-0). Al 25’ della ripresa definitivo 3-1 di Dellamora.

Ravecchia – Pro Daro 4-2 – Dopo tre giornate segnate da due pareggi e una sconfitta torna al successo il Ravecchia di Casarotti. I bianconeri sembrano voler mettere subito le cose in chiaro portandosi in vantaggio al 10’ con Miroslav Durdevic e poi, intorno alla mezz’ora, raddoppiando con Ousman Colley. Al 48’ 3-0 di Umut Eray. Tutto facile? No, perché i padroni di casa allentano la presa rischiando di farsi rimontare: al 58’ e al 60’ la Pro Daro torna in partita segnando con Christian Bianchi e Nicola Borga (3-2). Al 71’ ci pensa però Miroslav Durdevic e riportare la calma: doppietta personale e definitivo 4-2.

Moesa – Tenero Contra 2-6 – Nelle ultime 5 partite 4 sconfitte e 1 pareggio per il Moesa, ma anche peggior difesa del campionato con ben 26 gol subiti (come la Pro Daro): la squadra di Pfisterer non sta per niente attraversando un buon momento, serve una sterzata. Al 5’ del primo tempo ospiti in vantaggio con Ricci, ma al 16’ il risultato torna in parità grazie a Steiner. Il Tenero però non si scompone e trova la forza di andare in gol altre due volte prima dell’intervallo: prima Galfetti poi rigore di Giglio. Nella ripresa doppietta personale di Aleksandar Vasilev, con in mezzo il momentaneo 4-2 di Negretti (Moesa). Nel finale, quasi allo scadere, definitivo 6-2 di Cattori.

IL PROGRAMMA DI DOMENICA 13 OTTOBRE

14:30 Solduno – Riarena

15:30 Blenio – Verscio

CLASSIFICA – TERZA LEGA (GRUPPO 2)

PTGVNPPPGFGS
Losone228710-32233
Solduno197610-27153
Monte Carasso138413-112013
Tenero Contra138413-112018
Verscio127403-101617
Gordola128332-251613
Ravecchia118323-281212
Semine108242-441618
Blenio97232-2999
Azzurri98233-301113
Riarena67133-1659
Moesa 158125-231426
Pro Daro48116-221526
Sant’Antonino48116-24820