Mister Samuel Martins “festeggiamo 25 anni di storia, vogliamo ottenere qualcosa d’importante”

INSUBRICA – LUSIADAS 2-0

Il Lusiadas festeggia quest’anno i suoi primi 25 anni di storia. Nonostante l’ultima sconfitta contro l’Insubrica, la squadra di mister Samuel Martins è stata protagonista di un ottimo avvio di stagione con due belle vittorie nelle prime due giornate del torneo, 2-0 al Monteceneri e 5-1 al Breganzona.

«Si, sono abbastanza contento di come abbiamo iniziato la stagione – racconta mister Samuel Martins del Lusiadas – ma dobbiamo ancora migliorare, soprattutto per quanto riguarda la concentrazione. Contro l’Insubrica avevamo preparato bene la partita, li avevo visti giocare nel recupero contro il Riva e sapevo che avremmo affrontato una squadra molto grintosa, che però concede spazi».

«Per quanto riguarda la partita, nel primo tempo abbiamo commesso degli errori individuali che hanno permesso all’Insubrica di portarsi sul 2-0, anche se noi abbiamo forse creato più occasioni, senza però essere capaci di concretizzarle. Nella ripresa – continua Martins – i ragazzi sono tornati in campo con lo spirito giusto, hanno provato a giocare da squadra e alzato il ritmo. Mi fa piacere che abbiano cercato di mettere in pratica quello che proviamo durante gli allenamenti. Purtroppo, è mancato il gol, anche per merito del loro portiere che ha parato un rigore e fatto altri interventi importanti».

«Riusciamo a esprimerci bene soltanto un tempo, ma più che un problema fisico, dobbiamo migliorare con la testa. Quest’anno puntiamo il più in alto possibile, le aspettative della società sono tante. Per noi saperlo è un grande stimolo. Con il passare delle stagioni siamo cresciuti molto, ora speriamo di raccogliere qualcosa. Vorrei concludere ringraziando il presidente e tutto lo staff del Lusiadas, anche grazie a loro oggi siamo una squadra temuta (sportivamente) da tutti, basti pensare a come l’Insubrica ha festeggiato per la vittoria, pur essendo solo alla terza giornata di campionato».

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Visit Us
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS

Anche questi articoli potrebbero interessarti: