Girone di andata chiuso in crescendo, il Rorè ha scalato la classifica nelle ultime sei giornate, primo e secondo posto sono ancora lontani, ma vietato arrendersi

Dopo un inizio di stagione un po’ altalenante, il Rorè ha chiuso il girone di andata in crescendo, conquistando cinque vittorie nelle ultime sei partite disputate. Il risultato? Quinto posto in classifica con 19 punti, forse già troppo lontano dalla vetta (Azzurri primi a 31 punti), ma con ancora qualche possibilità di lottare per la seconda posizione (Comano secondo a 26 punti) che potrebbe significare promozione.

«Credo che in fin dei conti – racconta con molta obiettività Fabio Buchmann, presidente del Rorè – la nostra quinta posizione sia giusta. Siamo un pelino sopra la metà della classifica e questo equilibrio, a mio avviso, è l’esatta sintesi tra una partenza in cui abbiamo fatto fatica a raccogliere punti e una seconda metà del girone d’andata in cui ci siamo proposti molto bene. Non penso manchino dei punti. Il verdetto del campo è sempre stato onesto nei nostri confronti, nel bene e nel male».

Lucido e pragmatico, il numero uno bianconero sa che rientrare in corsa per le primissime posizioni non sarà semplice, ma non significa che il Rorè vi debba rinunciare a priori, con tutto un girone di ritorno ancora da giocare: «Con lo spirito visto nelle ultime uscite più che di promozione vorrei che si parlasse di miglioramento di quanto già stiamo facendo. Il nostro stimolo deve essere quello di scendere in campo motivati e dare sempre tutto: vale a dire farsi anche trovare pronti nel caso in cui le squadre davanti facciano qualche passo falso. In questi anni ho avuto la fortuna da presidente di poter festeggiare due promozioni e per arrivarci bisogna avere una squadra forte, che abbia un gruppo coeso. Noi al momento stiamo pagando qualche infortunio di troppo e una sorta di cambio generazionale, alla vecchia guardia si stanno aggiungendo dei bravi giovani».

Sei vittorie, un pareggio e quattro sconfitte, più i momenti belli che le amarezze per il Rorè nella prima metà della stagione: «Purtroppo non ho visto personalmente la partita vinta contro i Verzaschesi, che ho letto e mi hanno raccontato essere stata una delle nostre migliori gare. Penso che la squadra abbia giocato molto bene anche all’esordio contro il Drina Iragna, e poi in generale sono state positive le ultime partite del girone. Per la partita più brutta – continua il presidente Buchmann – non ho invece dubbi: la sconfitta esterna contro il Sant’Antonino. Siamo passati da un pallone che proprio non ha voluto saperne di entrare nella porta avversaria a una serie di nostri errori che ci hanno punito. Una sconfitta che però ci ha fatto crescere».

Il mercato di riparazione invernale potrebbe portare delle novità in casa Rorè? «Al mercato non ci stiamo pensando – spiega Buchmann – perché prima di tutto aspettiamo il ritorno di alcuni giocatori infortunati. Sono tutti ragazzi importanti non soltanto dal punto di vista sportivo, ma anche per il loro valore umano e per quello che sanno dare all’interno del gruppo e dello spogliatoio. Tuttavia, se dovessimo trovarci con le stesse problematiche di numero avute nel girone di ritorno, coglieremo ancora l’occasione della collaborazione con il Moesa, che sta dando ottimi risultati».

Presidente, in definitiva, cosa significa per lei il Rorè? «Rorè è passione. Un sentimento vissuto prima da giocatore sul campo e poi come presidente. Essendo la squadra del paese dove sono cresciuto è qualcosa di speciale. Ho la fortuna di lavorare con un comitato preparato e un ottimo staff tecnico, questo non va dimenticato. Siamo nell’anno del novantesimo compleanno e se dovessi fare un augurio ai colori bianconeri, vorrei potesse arrivare al traguardo dei cento anni sempre con questo entusiasmo e la passione per il gioco. Quella passione che avevo e che ho ancora, quella passione che vedo negli occhi dei ragazzi tutte le volte che scendono in campo».

CLASSIFICA QUARTA LEGA – GRUPPO 2

PTGVNPPPGFGS
Azzurri31111010-33325
Comano2611821-292814
Sant’Antonino2311722-283219
Lema2011623-494230
Rorè1911614-462115
Verzaschesi1611515-291916
Intragna1511434-392017
Someo1411353-322115
Drina Iragna811227-231729
Brissago611209-151336
Leventina511128-211232
Lusitanos411119-70837

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

2L: Castello, il ritorno di Patrik Induni   Grande e gradito ritorno al calcio giocato di Patrik Induni al Castello 2019/2020. Dopo i tempi degli allievi del Chiasso di Brancaleone ...
2L mercato: Minusio, Kazik Nicolò è il nuovo allen...   Mister Nicolò “Sono davvero felice ed entusiasta della chiamata e di poter allenare il Minusio, una grande società, vogliamo iniziare un n...
5L-3 mercato: l’Audax Gudo dà il benvenuto a Tomma...   Mister Lerose “non posso ancora sbilanciarmi, ma stiamo cercando di fare un buon mercato. Un grandissimo grazie alla nostra bandiera stori...
3L-1: Vacallo, arriva la conferma del club, Marco ...   Dopo l’addio di mister Matteo Zappella, il club del presidente Andrea Crivelli ha scelto Marco Ramon per guidare la prima squadra di Terza...
2L mercato: linea verde Balerna, tre nuovi arrivi ...   Mister Pichierri (confermato) saluta tre pedine di valore (Martinazzo, Maki e Muadianvita) ed abbraccia tre giovani di qualità Prime novi...
5L-2: la Juventus Cresciano diventa Riviera, bene ...   Terza in classifica nell’anno zero, nella prossima stagione la Juventus Cresciano vuole migliorare ancora, che in altre parole significa p...
4L-1: Stella Capriasca, il bilancio di mister Batl...   Stagione spaccata in due per lo Stella Capriasca, con mister Batlak meno risultati ma più spirito di gruppo per dare fastidio anche il pro...
2L: Luca Tino è un nuovo giocatore del Morbio di m...   Insieme all’ex capitano della Varesina (nonché ex Chiasso e Biasca), vestiranno neroarancio anche i difensori Davide Martorana (dal Vacall...
3L:nuovo innesto per il FC Agno! Il FC Agno comunica di aver trovato un accordo con il laterale difensivo Fabio Dolci per la stagione 2019-2020. Dolci, classe 1990, dopo divers...
2L: Victor Dos Santos è il nuovo allenatore dell’A...   Dos Santos lascia il Solduno per salire di categoria, una decisione molto sofferta che però non poteva essere rifiutata Victor Das Santos...