Mister Simone Torelli “Credo che il girone sia molto competitivo, con tante squadre che possono lottare al vertice”

Il Someo (Quarta Lega, gruppo 2) sembra aver voltato pagina. Dopo la sconfitta all’esordio in campionato contro i Verzaeschesi, i biancoblu hanno trovato due vittorie: prima il 4-1 in casa del Brissago e poi la qualificazione ai 32ⁱ di Coppa Ticino grazie all’1-0 sull’Arosio.

«Non sono proprio contento di come è iniziata la stagione – racconta Simone Torelli, allenatore del Someo – perché, pur avendo preparato bene la partita contro i Verzaschesi, siamo stati sconfitti. Ma i ragazzi hanno avuto un’ottima reazione, e sabato scorso sono riusciti a vincere bene contro il Brissago». A cui si è aggiunto il passaggio del turno in Coppa Ticino. «La cosa più positiva è che vedo una squadra unita e motivata. Credo che queste due componenti siano la base per poter lavorare in maniera costruttiva nel medio termine. Dobbiamo però sempre ricordarci – continua l’allenatore – che si può e si deve sempre crescere in ogni aspetto del gioco, anche se adesso siamo soprattutto concentrati sulla fase di finalizzazione. L’obiettivo nel breve termine è di riuscire a concretizzare di più le tante occasioni che in partita riusciamo a creare».

«Non c’è un singolo giocatore che in questo avvio di stagione mi abbia impressionato, sono contento del lavoro che ogni singolo ragazzo sta facendo. E poi mi ha fatto molto piacere di come si sono integrati i nuovi arrivati, stanno dando un ottimo contributo al collettivo. Speriamo di continuare così».

Attualmente in classifica il Someo si trova nel gruppo centrale insieme tante altre squadre che hanno vinto una partita, con Sant’Antonino, Azzurri e Comano che invece comandano a punteggio pieno. Mister Torelli predica calma: «Al momento ritengo prematuro sbilanciarsi, credo comunque che vi siano delle buone squadre in questo girone e che potrebbero essere in diverse a contendersi la vetta».

Infine, un’ultima battuta sulla prossima sfida di domenica (ore 15) contro l’Intragna: «Sarà una partita difficile, come tutte le altre d’altronde, non facciamoci ingannare dalle loro due sconfitte. Li abbiamo già affrontati e solitamente esprimono un buon calcio. Per noi è fondamentale giocare ogni partita con la giusta mentalità, e solo alla fine dei 90’ fare delle valutazioni».

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Visit Us
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS

Anche questi articoli potrebbero interessarti: