L’Atletico Lugano, nato questa estate con tanto entusiasmo, si è scontrato con la realtà del campo. Imparata la lezione la squadra ha chiuso in crescendo il girone di andata, ma la risalita è appena iniziata

Non è stato un gran girone di andata per l’Atletico Lugano (Quinta Lega, Gruppo 1), squadra nata questa estate con tanto entusiasmo, che ha però dovuto scontrarsi con le naturali difficoltà tipiche di una nuova realtà calcistica. I biancoazzurri hanno impiegato un po’ di tempo per trovare il giusto assetto (3 punti nelle prime 8 partite disputate), e probabilmente ce ne vorranno altrettante per raggiungere una certa stabilità, ma nelle ultime gare prima della sosta invernale le prestazioni e i risultati sono nettamente migliorati: sconfitta di misura contro la capolista Sessa (3-2) e due vittorie consecutive segnando 12 gol e subendone 3 (contro Villa Luganese e Rancate).

IL CAMPANILE AL CENTRO DEL PAESE

«Sono contento a metà di come la squadra si sia comportata nel girone di andata – racconta Guido Riccio, allenatore dell’Atletico Lugano – Abbiamo iniziato questo progetto con tanto entusiasmo. All’inizio della stagione avevamo alcune defezioni in rosa e, più in generale, abbiamo deciso di lasciare una certa libertà ai giocatori, per farli sentire a proprio agio nella nuova realtà di cui avevano deciso di far parte. Questa tipologia di gestione non ha dato i frutti sperati. Insieme alla società abbiamo allora deciso di cambiare atteggiamento, porre dei paletti più severi, fare delle correzioni, insomma provare a rimettere il campanile al centro del paese. Da questo momento in avanti le cose sono migliorate e, con un po’ di difficoltà, si è creato un gruppo più coeso tanto che sono cominciate ad arrivare prestazioni migliori e i primi risultati positivi. Dobbiamo ancora trovare il giusto equilibrio e stiamo continuando a lavorare per farlo, ma alla fine del girone di andata ho iniziato a vedere un buon gioco, e insieme al gioco sono arrivati anche i primi risultati positivi».

SIAMO UN DIESEL, PECCATO CHE SIA ARRIVATA LA PAUSA

«Sinceramente speravo in una classifica migliore – continua mister Riccio – ma abbiamo avuto una partenza tutt’altro che scattante. Se però guardo le squadre che ci sono davanti, vedo che la loro miglior posizione è dovuta a qualche pareggio in più e che la quarta e quinta in classifica hanno fatto solo una vittoria in più di noi. Questo mi fa ben sperare per il futuro e pensare che, con un po’ più di continuità, possiamo ancora chiudere la stagione tra le prime quattro squadre del campionato. Abbiamo avuto dei problemi nel carburare, ma dalla partita contro il Sessa il nostro motore diesel ha iniziato a entrare in coppia, portandoci più sicurezza (che ci mancava) e punti. Peccato che il girone di andata sia finito proprio ora».

RIPARTIRE DALLA PARTITA CONTRO IL SESSA

«La nostra partita più bella è stata contro il Sessa – spiega l’allenatore biancoazzurro – abbiamo perso 3-2 ma ho finalmente visto i ragazzi giocare con la grinta e la voglia giusta. Inoltre, sia tecnicamente che tatticamente abbiamo fatto una buonissima gara, restando in partita sino alla fine e recuperando per due volte consecutive lo svantaggio, contro la capolista del girone. È stato un incontro emozionante, che ha fatto scattare qualcosa nella testa dei ragazzi, infatti le due gare successive (Villa Luganese e Rancate, ndr) le abbiamo vinte bene. Dalla partita contro il Sessa i ragazzi hanno probabilmente capito che devono (e possono) credere maggiormente nelle loro qualità, e che facendo così i risultati positivi poi arrivano».

SERVONO RINFORZI, LA SOCIETÀ SI STA MUOVENDO

«Alla squadra serve sicuramente qualche rinforzo – conclude Guido Riccio – e la società si sta muovendo in questa direzione. La priorità è quella di allargare la rosa perché spesso, sia in allenamento che in partita, eravamo in pochi. In questo girone di andata ci sono state parecchie assenze, per motivi su cui nessuno recrimina (professionali, personali o infortuni), ma se vogliamo fare un buon girone di ritorno prima di tutto dobbiamo avere il numero sufficiente di giocatori».

CLASSIFICA – QUINTA LEGA (GRUPPO 1)

PTGVNPPPGFGS
Sessa259810-17408
Arosio248800-11283
Agno 2219702-44339
Canobbio1610442-112517
Porza1310415-271621
Arzo129333-451717
Melide 21110325-221422
Atletico Lugano910307-1072324
Villa Luganese710217-411436
Rancate 2710145-541631
Savosa Massagno39108-81351

RECUPERI 10ª E 11ª GIORNATA (in aggiornamento)

Domenica 15 marzo Savosa Massagno – Arzo (14.30 Valgersa, Savosa)

Domenica 15 marzo Agno – Arosio (14.30 Chiodenda, Agno)

Mercoledì 11 marzo Arosio – Sessa (20.30 Novaggio, Novaggio)