Primi in classifica con quattro punti di vantaggio sui Portoghesi Ticino e sole 5 reti subite in dieci partite, ma la cifra che ha scaldato il cuore del presidente Debernardi sono i 400 tifosi accorsi a vedere la squadra nell’esordio in campionato contro il Moesa

Dopo una lunga rincorsa, a volte mascherata dalle partite non giocate e recuperate in coda al girone di andata, il Locarno ha chiuso la prima parte della stagione dove doveva essere: al primo posto. Come da pronostico, come tutti o quasi si aspettavano.

«Penso che la nostra classifica sia giusta – racconta Sergio Debernardi, presidente del Locarno – perché siamo stati la squadra dal cammino più regolare e la difesa meno battuta del girone (5 gol subiti in dieci partite). Non ci mancano punti, va bene così».

Il successo nell’ultimo recupero contro il Tegna, ha permesso ai biancoblu di mettere un buon margine di vantaggio sulle prime inseguitrici, i Portoghesi Ticino sono a -4 mentre il Moesa è a -5, poi più staccato c’è il Moderna a sette lunghezze «Non abbiamo ancora fatto niente – prosegue Debernardi – se non un buon girone di andata, ma le rivali sono tutte agguerrite: in particolar modo ho visto molto bene il Moderna, che fa proprio un bel gioco. Noi però restiamo concentrati sul nostro obiettivo, che è confermare la posizione attuale».

Il Locarno è l’unica squadra ancora imbattuta del girone, ma a inizio stagione i ragazzi di mister Remy Frigomosca hanno rischiato grosso contro Audax Gudo e Gorduno (due pareggi per 2-2): «Sia dalla squadra che dall’allenatore mi aspettavo esattamente quello che è arrivato. Sono stati tutti bravi. Vi assicuro che non è per nulla facile partire da zero. In pochi mesi abbiamo dovuto trovare i giocatori e formare un gruppo. Non è un’operazione scontata come potrebbe sembrare. Fare l’allenatore – continua il presidente Debernardi riferendosi a mister Frigomosca – è molto difficile. Tutti vogliamo essere allenatori e dire la nostra, a parole è tutto più semplice. Invece mister Frigomosca si è dimostrato all’altezza e sta formando un bel gruppo: ha tantissima passione, il Locarno ce l’ha nel cuore».

Presidente, state già pensando a qualche novità per il mercato? La rosa attuale va sistemata o ulteriormente rinforzata? «Credo che queste domande si dovrebbero fare al nostro allenatore. Io posso solo dire che è intenzione del Locarno tornare a giocare in campionati che forse più competono alla nostra città, che ci mette a disposizione infrastrutture eccezionali. I prossimi anni Locarno sarà un cantiere aperto, faremo degli innesti mirati senza stravolgere il gruppo e senza fare passi che non possiamo permetterci. Questo perché avremo occhi ben attenti e vigili su quello che è la gestione finanziaria del club».

Presidente, un’ultima domanda, cosa significa per lei il Locarno? «Ho fatto 17 anni il presidente a Verscio, poi 9 nel comitato del Vallemaggia e 4 anni ad Ascona. Ma, in tutti questi anni, sono sempre stato tifoso del Locarno seguendone le partite al Lido. Diventare un dirigente del Locarno è sempre stato un mio obiettivo, oggi esserne presidente è un sogno che si realizza. Spero, con la mia passione e con l’aiuto di tutti, di riuscire a contagiare il più alto numero possibile di tifosi della regione Locarnese: vedere alla nostra prima partita di campionato un pubblico di quasi 400 persone è stato uno spettacolo».

CLASSIFICA QUINTA LEGA – GRUPPO 3

PTGVNPPPGFGS
Locarno2612840-23355
Portoghesi Ticino2212732-422113
Moesa2112723-332621
Moderna1912633-222720
Audax Gudo1812552-272015
Tegna1412444-92521
Makedonija1112345-3172021
Codeborgo912327-231838
Aramaici Suryoye912327-411321
Gorduno512147-261529
Pedemonte412138-121430

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

2L: Castello, mister Stefani “favorite Balerna, Ar...  Ancora nessuna novità di mercato per il Castello che, salutato il difensore Emanuele Nicastri (al Novazzano), attraverso il ds Davide Klei...
Allievi A2: Bioggio, mister Tisat “i ragazzi sono ... Tre vittorie in tre partite playoff, solo così il Bioggio poteva ottenere la promozione negli A1, la squadra di mister Tisat ci è riuscita Grande...
3L-1: Insubrica, il presidente Bianchi “cresceremo... A un passo dalla salvezza, l’Insubrica sembra tutto fuorché una neopromossa. Il presidente Bianchi è una persona appassionata e attenta, come un p...
5L-3: Moderna torna Olivier Crivelli, mister Imber... Locarno favorito per la promozione, ma il Moderna non si arrende: i bianconeri faranno tutto il possibile (e l’impossibile) per recuperare sette p...
4L-2: Azzurri a caccia del record dell’Arbedo, il ... Girone di andata praticamente perfetto per la squadra di mister Balazic, ma vietato distrarsi: potrebbe essere fatale Prima parte di stagione pra...
5L-2: Preonzo, mister Genazzi “al Preonzo sono in ... Alti e basi per il Preonzo nella prima parte di stagione, che belle le vittorie nei due derby contro la capolista Gnosca e la Juventus Cresciano, ...
4L-2: Intragna, il presidente Gamboni “siamo torna... L’anno scorso promozione sfiorata, quest’anno qualche difficoltà: l’Intragna è a metà classifica, con un girone tutto da giocare per ritrovare que...
4L-1: Basso Ceresio, mister Scali “stiamo iniziand... Otto punti nelle ultime cinque partite, +2 sulla zona retrocessione, il Basso Ceresio ripartirà con maggiori certezze e forse qualche novità di merc...
3L Gruppo 1: Breganzona, mister Riccio “tengo semp... L’allenatore del Breganzona non si arrende “nella mia squadra ideale mi piacerebbe avere Samuele Sousa, Mattiyas Demircan e Ricardo Machado” Diff...
3L-2: Solduno, mister Dos Santos “Federico Tiboni ... I biancoblu non si pongono limiti e dal mercato è già arrivato Lencys De León, portiere dal Bellinzona Mettiamo un attimo da parte il Sementina, ...