Dopo tre annate poco positive, quest’anno il vento sembra cambiato, merito di una squadra che sta prendendo consapevolezza nei propri mezzi e che vuole continuare a stupire

Forse ci siamo. Nelle ultime quattro partite il Codeborgo sembra finalmente aver trovato il giusto equilibrio. Le tre vittorie contro Gorduno, Makedonija e soprattutto Audax Gudo hanno ridato morale, mentre la sconfitta di misura con la capolista Moesa sta a indicare che forse i 12 punti di distanza dalla vetta sono un po’ troppi.

«Vorrei partire dalla sconfitta contro il Moesa – racconta Karim Spinelli, allenatore del Codeborgo – in cui nonostante il risultato negativo abbiamo giocato alla grande. A tratti anche dominando l’avversario. Il vero Codeborgo non è quello brutto visto nelle prime partite della stagione, ma quello delle ultime quattro gare in cui sono arrivati anche i risultati. Peccato essersi svegliati tardi. È dal 12 luglio che ci alleniamo e facciamo amichevoli, ma ci abbiamo messo decisamente troppo tempo per comprendere il nostro potenziale. Adesso non ci dobbiamo fermare. Bisogna migliorare ancora nella continuità e lavorare molto, solo così potremo ottenere altri risultati positivi. Dobbiamo ancora crescere, possiamo farlo tutti: io, lo staff, i giocatori (che già lottano come dei leoni) e la società».

Oggi il Codeborgo è settimo (con le quotazioni della squadra in netta ripresa), ma nelle ultime tre stagioni la classifica ha sempre pianto: penultimo posto nel 2017/2018 e nel 2015/2016, ultimo posto nel 2016/2017. Quest’anno però il vento sembra cambiato: «Restiamo con i piedi ben piantati per terra. Il nostro obiettivo è migliorare i punti dell’anno scorso. Però confesso – conclude mister Spinelli – che mi piacerebbe tanto essere lì davanti a giocarmela con le “grandi”. Abbiamo già affrontato tutte le prime, e secondo me il favorito numero uno alla promozione è il Locarno. Il Moderna mi ha però impressionato, hanno davvero un buon collettivo. Sarebbe bello, senza nulla togliere alle altre squadre, che fosse proprio il Moderna a centrare la promozione».

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

5L-1: Porza, confessioni di un presidente…squadra,... Smaltita l’amara retrocessione dell’anno scorso, oggi il Porza può ancora sognare in grande, merito di una società che trasuda di devozione, passi...
4L-2: Intragna…trionfo, conferma e transizio... Dopo tanti anni e grandi soddisfazioni mister Alfonso Campagnuolo non guiderà più i biancoblu, al suo posto è stato chiamato Francesco Fornera La...
2L:calciomercato, tre nuovi arrivi in casa Castell... Chi prenderà il posto di bomber Jonathan Mele? Il Cadenazzo non ha ancora trovato il sostituito del suo miglior attaccante del girone di andata P...
5L-1: Villa Luganese, il presidente Galeri tra imp... Solo l’anno scorso il Villa Luganese aveva raggiunto la finale di Coppa (Quinta Lega), in questa stagione invece i bianconeri si sono dovuti scont...
3L-2: Carassesi, domani sera inizia la preparazion... Ultimo posto in classifica, ma la situazione non è disperata: a mister Colatrella il compito di raggiungere la salvezza Situazione difficile, ma ...
3L-2: Solduno, ritiro in Portogallo, 4 nuovi arriv... Grandi lavori in casa Solduno, c’è da conquistare un secondo posto (spareggio per la Seconda Lega) e fare un bel regalo al presidente Loris Conti ...
2L: Ascona, cinque acquisti più tre giocatori in p... Mister Giuseppe Riccio è sereno “bisognerà lavorare tanto ma con il sorriso, poi il resto arriverà automaticamente” Tra poco più di una settimana...
3L-1: Coldrerio, il presidente Luisoni “sono orgog... Dopo un grandissimo girone di andata bisogna confermarsi, non sarà facile tenere testa a Collina d’Oro e Malcantone, però sarebbe sbagliato non cr...
4L-2: Verzaschesi, grazie mister Bruno, inizia l’e... Tanto affetto e riconoscenza nei confronti di mister Bruno, ma a breve si tornerà in campo per preparare il girone di ritorno con una novità in at...
3L-1: Maroggia, dal doppio salto Quinta-Terza Lega... Mister Enrico Lorenzon “come ha detto il nostro presidente, Maroggia è una grande famiglia. Non ci servono rinforzi dal mercato, tutti noi insieme...