Parole severe del tecnico biancoblu, che però sportivamente si assume la responsabilità degli ultimi due pareggi non proprio in linea con le ambizioni della società

Dopo il convincente esordio contro il Moesa e il passaggio del turno in Coppa Ticino contro il Riva (Terza Lega), qualcosa nel Locarno si è inceppato: due pareggi consecutivi per 2-2 contro Audax Gudo e Gorduno. Remy Frigomosca, tecnico dei biancolu, con molta sportività e facendo anche autocritica prova a spiegare il periodo poco brillante che sta attraversando la sua squadra.

«Chiaramente sono deluso dell’ultima partita contro il Gorduno – racconta l’allenatore – perché abbiamo buttato alle ortiche tre punti che erano alla nostra portata. Siamo entrati in campo troppo rilassati e privi di aggressività. Qui l’errore è mio, perché sono io che devo dare una scossa mentale ai ragazzi».

«Il gruppo si impegna sempre molto, è eccezionale, ma contro il Gorduno ci sono davvero pochi alibi. Anche se siamo andati sotto 2-0 nel primo tempo, era una partita da vincere segnando cinque/sei gol. Non possiamo permetterci di sbagliare così tanto sotto porta, né contro il Gorduno né mai».

«Più in generale – continua mister Frigomosca – dobbiamo imparare a essere più lucidi e tranquilli mentalmente. È una critica che faccio a me stesso, ai giocatori e a tutto quello che ci gira intorno. È inutile fare giri di parole, il nostro obiettivo è vincere. Ma bisogna anche saper convivere con questa “pressione”, se così si può chiamare, perché in realtà si tratta solo di migliorare nella consapevolezza nei propri mezzi»

«Dopo un buon inizio di campionato e la partita giocata alla pari (e vinta) contro il Riva in Coppa Ticino, c’è stato un passaggio a vuoto con questi ultimi due pareggi. Se a Gudo il pareggio poteva starci, quello contro il Gorduno assolutamente no. Adesso bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare di più per raggiungere i nostri obiettivi. Fare meno chiacchere e sacrificarsi di più, perché la parola “facile” nel calcio non esiste più».

«Abbiamo una squadra ampiamente competitiva – prosegue Frigomosca – e probabilmente le colpe sono mie se non stiamo rendendo quanto vorrei. Il mio compito deve essere più mentale, anziché tecnico tattico, ma allo stesso tempo sono convinto della bontà del percorso che abbiamo intrapreso, io e il mio collega Cordero».

«Manca un click per sbloccarci, probabilmente dopo queste due partite lo hanno capito anche i giocatori. Siamo il Locarno – conclude l’allenatore – l’affetto e la passione che ci circondano non meritano figuracce come quella fatta contro il Gorduno. Una figuraccia non tanto sotto l’aspetto tecnico o tattico, ma per la mancanza di sacrificio e il brutto risultato. Bisogna rendersi conto di dove siamo e chi siamo. Subito. Detto questo va comunque fatto onore sia al Gorduno che all’Audax Gudo, perché ci hanno creduto più di noi. Il giorno che metteremo lo stesso entusiasmo di queste due squadre, allora lì sarà il vero Locarno che voglio vedere tutte le domeniche».

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

5L-1: Arzo, il presidente Fumagalli “Arosio, Rovio... Essere squadra e fame di vittoria, questi i due ingredienti della ricetta Fumagalli per continuare a credere nella promozione: l’Arzo non si tira ...
4L-2: Verzaschesi, il presidente Weber “la festa p... La neopromossa Verzaschesi ha vissuto un girone di andata da protagonista, peccato solo una flessione nelle ultime tre partite che hanno allontanato...
4L-2: Sant’Antonino, il presidente Pedrelli “nel c... Il Sant’Antonino non si nasconde e vuole la promozione, nel girone di ritorno sarà battaglia con Azzurri, Comano, Lema e Rorè Sant’Antonino terzo...
2L: calciomercato, primi movimenti in uscita per V... Il mercato aprirà ufficialmente l’1 gennaio, ma Vedeggio, Cadenazzo e Castello sono già al lavoro per tamponare alcune partenze Aspettando i prim...
3L-2: Verscio, il presidente Hefti “a Verscio non ... La squadra di mister Pierantoni ha chiuso in crescendo il girone di andata portandosi a +4 dalla zona retrocessione e può lottare alla pari con qu...
Allievi B1: Insema, mister Porcu “tutto è iniziato... In primavera l’Insema giocherà nei Coca Cola B insieme a Lugano e Bellinzona, la squadra di mister Porcu si sta preparando a nuove sfide per scont...
2L: Cadenazzo, il presidente Caccia “abbiamo tutti... Dopo l’ottimo quarto posto della passata stagione e una campagna acquisti importante, i rossoneri speravano in un girone di andata più positivo, m...
3L-2: Monte Carasso, il presidente Monighetti “mai... In campionato il Monte Carasso è ancora in corsa per il secondo posto, poi c’è la Coppa Ticino in cui i bianconeri devono affrontare gli ottavi di...
……ed alla fine paga Riccio….. Riceviamo una lettera da un nostro lettore riguardo l'esonero di mister Riccio, firmata. Ieri è arrivato l'esonero di Guido Riccio alla guida del...
5L-1: Stabio, il presidente Victor Brusa “Il bicch... Non solo prima squadra, la Stabio è una piccola start-up con un settore giovanile che negli ultimi sei anni è cresciuto moltissimo: formazioni isc...