I biancorossi sono ancora imbattuti e le prossime due sfide contro Moderna e Portoghesi Ticino possono regalare al Tegna un campionato inaspettato, ma prima in Coppa c’è il Vallemaggia

La vittoria 1-0 sul Pedemonte permette al Tegna di restare, insieme a Locarno e Audax Gudo, tra le tre formazioni ancora imbattute del girone. La squadra di mister Vincenzo Gennarino è terza in classifica a -4 dalla vetta e le prossime due giornate contro Moderna e Portoghesi Ticino diranno dove realmente i biancorossi possono arrivare.

«Tre punti un po’ sofferti ma importantissimi – racconta mister Gennarino – che ci permetto di affrontare nel migliore dei modi le prossime due sfide (complicate) contro le prime in classifica Moderna e Portoghesi Ticino. Contro il Pedemonte abbiamo giocato un ottimo primo tempo, creando tanto ma concretizzando poco, e una ripresa un po’ sottotono: ma tutto sommato la vittoria credo sia stata meritata».

«In questa prima parte di stagione sono davvero soddisfatto che i ragazzi siano sempre presenti e numerosi agli allenamenti, in questo modo possiamo lavorare bene ed esprimerci al meglio nelle partite del weekend. Da quando abbiamo iniziato la preparazione siamo sempre stati almeno in 18 agli allenamenti, sono veramente orgoglioso di questo».

«Venendo invece alle cose negative – continua l’allenatore – dobbiamo invece migliorare nelle parti finali delle partite, non perdere la concentrazione negli ultimi dieci/quindici minuti: contro l’Audax Gudo e il Makedonija, ad esempio, abbiamo buttato via quattro punti facendoci rimontare nel finale quando eravamo in vantaggio di due gol. Deve aumentare la consapevolezza nei propri mezzi. Avere la chiara percezione che quest’anno, in cui non abbiamo pressioni, possiamo benissimo dire la nostra».

Dopo alcune stagioni difficili, il Tegna potrebbe essere la sorpresa positiva di questo campionato, molto equilibrato e competitivo: «Devo essere onesto – confessa mister Gennarino – quando ho firmato per il Tegna, viste le stagioni precedenti, pensavo di trovare una squadra più indietro. Invece non è stato così, sin dai primi allenamenti ho capito che c’erano tutte le possibilità per fare buone cose. La squadra può giocarsela alla pari contro qualsiasi avversario. Tra i giocatori che invece mi hanno impressionato dico un giovanissimo: il difensore Dario Gjorgjev (anno 2001), che ho portato con me dagli Allievi B del Solduno e che per impegno e dedizione si sta rivelando molto più maturo rispetto alla sua età».

Infine un pronostico sul futuro, su quali saranno le squadre da battere e a cosa potrà ambire il suo Tegna: «Detto che mi sembra davvero un bel campionato, la favorita numero uno è il Locarno del mio amico Frigomosca. Ma non sarà semplice neppure per loro, perché in Quinta ogni partita è una battaglia, e Portoghesi, Audax Gudo e Moderna sono squadre di valore. Noi è vero che siamo ancora imbattuti – continua con un sorriso mister Gennarino – e sognare non costa nulla, ma più realisticamente dobbiamo pensare una partita per volta. Allargando lo sguardo, io insieme al mio vice Stefano Palmieri, al presidente Marco Titocci e al nuovo comitato abbiamo immaginato un programma in cui nei prossimi due/tre anni il Tegna possa salire in Quarta Lega. Personalmente sono molto ambizioso e cercherò di trasmettere questa mia voglia di vincere ai ragazzi, ma i conti li faremo più avanti».

Poi c’è la Coppa Ticino, dopo le vittorie contro Codeborgo e Rovio, domani sera arriva il Vallemaggia per i sedicesimi di finale. «Domani sera ci godiamo l’onore di giocare i sedicesimi di Coppa Ticino, che a Tegna mancavano da molti anni, contro una squadra fortissima come il Vallemaggia. Da giovedì si ricomincerà poi a pensare al campionato, per provare a fare una grande partita contro il Moderna».

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

AS Breganzona, esonerato mister Riccio Finisce l'avventura di Guido Riccio alla guida del AS Breganzona in 3a Lega. Purtroppo l'ultima posizione in classifica della squadra, con 0 vitt...
Allievi B2-1: RAAV, mister Di Grazia “un girone au... Gli Allievi B del RAAV hanno rischiato di non iscriversi, poi l’avvincente duello con il San Zeno, la vicinanza di genitori e società, la bravura ...
2L: Castello, mister Stefani “favorite Balerna, Ar...  Ancora nessuna novità di mercato per il Castello che, salutato il difensore Emanuele Nicastri (al Novazzano), attraverso il ds Davide Klei...
Allievi A2: Bioggio, mister Tisat “i ragazzi sono ... Tre vittorie in tre partite playoff, solo così il Bioggio poteva ottenere la promozione negli A1, la squadra di mister Tisat ci è riuscita Grande...
3L-1: Insubrica, il presidente Bianchi “cresceremo... A un passo dalla salvezza, l’Insubrica sembra tutto fuorché una neopromossa. Il presidente Bianchi è una persona appassionata e attenta, come un p...
5L-3: Moderna torna Olivier Crivelli, mister Imber... Locarno favorito per la promozione, ma il Moderna non si arrende: i bianconeri faranno tutto il possibile (e l’impossibile) per recuperare sette p...
4L-2: Azzurri a caccia del record dell’Arbedo, il ... Girone di andata praticamente perfetto per la squadra di mister Balazic, ma vietato distrarsi: potrebbe essere fatale Prima parte di stagione pra...
5L-2: Preonzo, mister Genazzi “al Preonzo sono in ... Alti e basi per il Preonzo nella prima parte di stagione, che belle le vittorie nei due derby contro la capolista Gnosca e la Juventus Cresciano, ...
4L-2: Intragna, il presidente Gamboni “siamo torna... L’anno scorso promozione sfiorata, quest’anno qualche difficoltà: l’Intragna è a metà classifica, con un girone tutto da giocare per ritrovare que...
4L-1: Basso Ceresio, mister Scali “stiamo iniziand... Otto punti nelle ultime cinque partite, +2 sulla zona retrocessione, il Basso Ceresio ripartirà con maggiori certezze e forse qualche novità di merc...