Nel Gruppo 2 il Rapid Lugano vince il big match contro l’Origlio Ponte Capriasca, bene anche il Rapid Bironico e l’Audax Gudo. Nel Gruppo 3 scorpacciate per Gorduno, Moderna e Riviera

GRUPPO 1

Prima giornata di campionato dimezzata, con solo tre partite disputate su cinque in programma. Brutta partenza per la matricola Atletico Lugano, sconfitto 3-0 in casa dall’Arosio di Gianinazzi. Per i neroazzurri reti di Luca Pisano (35’), Angelo Ghitti (51’) e nel finale Yannick Charles (84’). Nell’Atletico espulso per doppia ammonizione Sanchez Viola, e Rocco Maggio dalla panchina.

Bella partita e pareggio per 2-2 tra Sessa e Canobbio. Padroni di casa in vantaggio al 44’ su rigore trasformato da Intagliatore, ma ripresi subito da Demirci. Nella ripresa ancora un botta e risposta nella manciata di pochi minuti: prima segna Beretta (76’, Canobbio) poi pareggia immediatamente Torcello (78’, Sessa).

Ottimo esordio per il Villa Luganese, 3-2 contro il Rancate. Gara decisa allo scadere (90’) da un gol di Giuseppe Mancuso, prima doppietta di Nicola Rossini (Villa Luganese) e gol di Cenereri e Ciccomascolo per il Rancate. Rinviate per impraticabilità del campo Agno-Porza e Savosa Massagno-Melide.

GRUPPO 2

Tris all’esordio per l’Audax Gudo di Lerose, vittorioso 3-1 in casa contro il Moesa. Primo tempo equilibrato chiuso dai padroni di casa in vantaggio 1-0 grazie alla rete di Selmani. Nella ripresa sale in cattedra Emanuele Covelli che realizza una doppietta (55’ su rigore e 75’). Per il Moesa momentaneo 2-1 di Marca (58’ su rigore).

Buona la prima anche per il Rapid Bironico di Consolazio che, dopo aver eliminato il Leventina dalla Coppa Ticino, si è ripetuto in campionato battendo con lo stesso punteggio di 4-1 il Tegna di Gennarino. Tra il 16’ e il 19’ doppio vantaggio per il Rapid Bironico grazie a Cala e Lafranchi. Prima del riposo svantaggio dimezzato da Vincenzo Gennarino (allenatore biancorosso), ma al 55’ distanze ristabilite da uno scatenato Andrea Cala (doppietta personale). Al 69’ poker finale di Pietro Zucchetti.

Festival del gol tra Isone e Portoghesi Ticino, ma alla fine a gioire 5-4 è stata la squadra di Regazzoni grazie alle doppiette di Simone Roncoroni e Kevin Marcis e al gol di Marco Buccoliero. Ai Portoghesi non sono bastate le reti di Francisco Noe Lucas (doppietta), Jean Michel Vittoni e un rigore trasformato da Joao Pedro Lucas.

Altra partita bellissima quella tra Origlio Ponte Capriasca e Rapid Lugano, vinta 3-2 in rimonta dai biancoblu. Nel primo tempo l’Origlio segna due volte con Dario Baer andando al riposo avanti 2-0. Nella ripresa però cambia tutto: Liekmanis riapre la partita, Najdenov pareggia al 78’, e quasi allo scadere Ercan Bayrak fa esplodere di gioia tutta la panchina di Conte. Infine, successo esterno per Aramaici Suryoye: 3-1 in casa del Codeborgo. Al 44’ vantaggio ospite con Kasm, poi nella ripresa Suhalj e Iliev mandano in fuga gli Aramaici prima del definitivo 3-1 di Finiletti.

GRUPPO 3

Partenza razzo per il Gorduno di Perini, 7-0 casalingo contro il Bodio. Gara virtualmente chiusa già alla fine del primo tempo con i biancorossi che tornano negli spogliatoi avanti 3-0 (reti di Bakovic al 13’, Dovodja al 30’ e Simic al 33’). Nella ripresa Marinko Bakovic non si ferma e realizza altri due gol (al 49’ su rigore e al 90’), così come Josip Simic che chiude la propria partita firmando una doppietta (secondo gol al 65’). Al 74’ la sesta rete biancorossa è stata di Tahir.

Vittoria di misura per il Preonzo di Pensa, 1-0 al Lodrino con rete decisiva di Denis Bento Rodrigues intorno alla mezz’ora della ripresa. Che inizio di campionato per il Riviera di Marchio, travolgente in casa del Chironico (6-0).

Vittoria ancora più larga per il Moderna di Demirkiran, 8-0 contro il malcapitato Makedonija. I bianconeri sono andati a segno con ben sette giocatori diversi: Saccher, Valeo e Lazic nel primo tempo; Savic, Sansossio, Rezaei e doppietta di Bortone nella ripresa. Successo casalingo per i Lusitanos, il 3-2 contro il Pollegio è stato firmato da una doppietta di Jovic (21’ e rigore al 60’) e da una rete di Cebulski (46’). Gli ospiti si sono mesi a giocare tardi, riuscendo ad accorciare con Motta e Oro tra l’81’ e l’88’.