Autore: Claudio Paronitti

Lugano, Sulmoni e quella maledizione della fascia

Per la seconda volta in stagione Fulvio Sulmoni ha indossato la fascia di capitano e per la seconda volta in stagione il Lugano ha subito… una sconfitta Se non è una maledizione, poco ci manca: la prima volta era capitata nel 3-0 di febbraio di San Gallo e la seconda ieri sera sulle rive della Limmat. Il fato ha voluto che fosse una delle squadre più in crisi dell’intera Raiffeisen Super League, il Grasshopper, a portare a due su due le battute d’arresto con il centrale ticinese capitano. L’assenza causa squalifica di Jonathan Sabbatini si è fatta sentire a centrocampo,...

Leggi qui..

Grasshopper-Lugano, le pagelle: il portiere è sempre un problema d’attualità

L’incontro disputato in un soleggiato Letzigrund viene deciso da un erroraccio del portiere bianconero, non il primo da quando è titolare Joël Kiassumbua – 2,5 – non si sa a cosa stesse pensando nel momento in cui Kodro calcia debolmente il pallone. Nessuno lo saprà, ma ciò che ha commesso è un errore talmente palese, quanto scellerato, che è costato un pareggio; Dragan Mihajlovic – 3,5 – alla seconda consecutiva da titolare fa, come sempre, ciò che gli va più a genio, ossia andare su e giù per la fascia di competenza. È però colpevole di non marcare stretto Kodro nell’occasione del 2-1;...

Leggi qui..

RSL, il pazzo match del Letzigrund deciso da un erroraccio di Kiassumbua

Nella seconda trasferta consecutiva il Lugano subisce una sconfitta evitabile. L’errore palese di Kiassumbua condanna i bianconeri e fa gioire il Grasshopper con il pazzo punteggio finale di 4-3 La partita del Letzigrund si dimostra, come nelle previsioni, insidiosa. Non tanto per il periodo di magra delle Cavallette, piuttosto per la tradizione dei sottocenerini sulle rive della Limmat. Il Grasshopper inizia il match mantenendo quasi totalmente il possesso della palla. Il problema, come capita ultimamente ai biancoblù, è arrivare a concretizzare lo sterile vantaggio territoriale. Così, dopo 25 minuti in cui i bianconeri hanno controllato senza particolari problemi, ecco...

Leggi qui..

Lugano, in Vallese la svolta e al Letzi per la conferma

La settimana inglese alla quale sono confrontati i giocatori di Raiffeisen Super League avrà termine questo fine settimana, nel corso del quale il Lugano renderà visita al Grasshopper In preda a una crisi di gioco e risultati, le Cavallette arrivano al confronto con i bianconeri senza il loro capitano Marko Basic – che dovrà stare lontano dai campi per circa otto mesi -. In più, nella sconfitta patita mercoledì sera a Basilea, pure Numa Lavanchy (in passato oggetto del desiderio luganese) ha subito un infortunio facciale e dovrà essere operato. Se mettiamo pure in conto che l’allontanamento di Murat...

Leggi qui..

Lugano, una goduria ‘mordi e fuggi’. Sabato c’è già il GC

Alla seconda panchina, mister Guillermo Abascal è già riuscito a cogliere la sua prima vittoria da tecnico del Lugano La sublime prestazione collettiva, alla quale ha fatto da contraltare la passività del Sion, ha portato in un solo balzo i bianconeri dell’ottavo al sesto posto della classifica. Complice anche il pareggio imposto dai futuri campioni nazionali dello Young Boys in quel di Thun, i luganesi hanno guadagnato punti anche nei confronti dei bernesi. Quei punti che proprio i biancorossi hanno “conquistato” sabato scorso a Cornaredo. La rete del “Cobra” Marc Janko, abile a incunearsi tra le maglie della difesa...

Leggi qui..