Lo scorso mese di ottobre il Grasshopper aveva affidato a Fredy Bickel, 54 anni, un ruolo nella dirigenza con l’obiettivo di risanare un ambiente sportivamente depresso dall’incredibile retrocessione patìta nella categoria cadetta al termine della scorsa stagione

A una decina di giorni dal ritorno ufficiale in campo, il direttore sportivo delle Cavallette si è concesso alle pagine del quotidiano confederato Blick, al quale ha raccontato cosa attende i biancoblù da ora e fino alla conclusione del campionato:

«Non siamo affatto vicini all’obiettivo. Ma con la gente che è rimasta abbiamo già raggiunto parecchio. Il budget è sotto controllo. Le strutture sono cambiate e anche gli addetti ai lavori interni. Per quel che concerne la rosa, abbiamo ancora due elementi che giocano con la Under 21. A oggi siamo in 25, ma intendiamo ridurre il roster di due unità. Lo spazio per i trasferimenti è ridotto. In linea di principio, c’è bisogno di una partenza per compensare un arrivo. Vogliamo rimanere fedeli alla nostra linea e se ci sarà l’opportunità di inserire un attaccante lo faremo. Quando si chiuderà la stagione, non ci cadrà il mondo addosso se non conquisteremo la promozione. Tuttavia, il salto in Super League sarebbe di estremo aiuto, soprattutto dal punto di vista finanziario».