Nulla da fare per il Chiasso opposto  ad un avversario intrattabile. Partita già risolta nel primo tempo grazie alle reti di Margiotta e Pache. I ragazzi di Manzo sono apparsi  troppo rinunciatori e per certi versi irriconoscibili. Una sconfitta pesante quanto veritiera. 

Chiasso – Losanna 0:5 (0:2)

Reti: 14′ Margiotta 0:1, 42′ Pache 0:2, 75′ Ndoye 0:3, 89′ Koura 0:4, 94′ Ndoye 0:5

Chiasso: Mossi; Martignoni, Alessandrini, Lurati,  Perico (65′ Malinowski); Brivio, Milosavljevic, Gomes (56′ Pollero); Padula, Josipovic (77′ Manicone) , Milinceanu (69′ Giorno).

Losanna: Castella; Flo, Nanizayamo, Loosli, Gétaz; Kukuruzovic, Puertas (82′ Bares), Pasche (72’Baddy);  Oliveira (72′ Ndoye), Koura, Margiotta (77′ Zeqiri),

Note. Stadio Riva IV.  490 spettatori. Arbitro: Sig. Sven Wolfensberger. Nel Chiasso assenti Iberdemaj ( inf. ), Bahloul e Charlier ( squalificati), Adamczyk, Guidotti, Nsiala, Nsumbu ( non convocati). Il Losanna privo di Brandao e Dominguez ( squalificati), Buess, Geissmann, Pos, Cabral, Berchtold  e Boranijasevic ( infortunati).

Ammoniti: 16′ Gomes, 58′ Perico, 81′ Ndoye, 84′ Martignoni, 92′ Brivio. Reti annullate per fuorigioco: 55′ Margiotta, 62′ Pollero.  Aste: 22′ Perico, 62′ Brivio, 76′ Ndoye. Palo: 32′ Kukuruzovic.

L’uovo di Pasqua regala al Chiasso …..l’ultimo posto. Non solo una brutta sconfitta, ma anche le notizie dagli altri campi, dove le dirette antagoniste per non retrocedere, Rapperswil e Sciaffusa, hanno vinto. Il Losanna presentatosi al Riva IV con numerose assenze ha subito fatto valere la maggior classe, organizzazione di gioco e dopo i primi 45 minuti aveva già segnato due reti e da non dimenticare un palo colpito da Kukuruzovic e l’occasione incredibilmente sprecata da Puertas.

Il Chiasso dal canto suo poco ha dimostrato nel primo tempo, salvo un legno colpito di testa da Perico e qualche timida reazione, ma troppo poco per impensierire la difesa ospite. Ma da una squadra che lotta per la salvezza, ci si aspettava tutt’altra esibizione. Peccato le ultime uscite lasciavano ben sperare e anche il rientro del bomber Josipovic, poteva essere una buona carta da giocare. Forse le assenze di Charlier e Guidotti a centrocampo si sono fatte sentire. Poco filtro e difesa che nulla ha potuto contro le folate dei vodesi. Timida la reazione dei rossoblu nel secondo tempo, ma anche l’innesto di Pollero non ha portato frutti. Da annotare il rientro del centrocampista Giorno, assente dal campo di gioco da due mesi per un infortunio.

La trasferta di domenica prossima nel nuovissimo Kleinfeld di Kriens, inizio ore 14.30, assume un’importanza non vitale; una reazione è d’obbligo.