Pubblichiamo il comunicato stampa del FC Lugano in relazione alla diatriba Team Ticino con il Bellinzona.

Lettera del dipartimento tecnico dell’ASF

L’FC Lugano deve purtroppo constatare che per l’ennesima volta lettere interne tra la federazione sportiva, il Team Ticino ed i propri membri siano state trasmesse alla stampa.

Considerando che tale missiva sarebbe dovuta essere oggetto di discussione costruttiva nell’ambito della prossima riunione di Comitato del Team Ticino, ma che i soliti noti non abbiano perso occasione di strumentalizzarla, ci troviamo costretti a prendere posizione come segue.

Nell’ambito di una trattenuta di una sovvenzione Footeco di CHF 10’000, l’ASF ha specificato all’FC Lugano, mediante una lettera datata 20 settembre 2019, quanto segue:

  • il settore giovanile dell’FC Lugano ha rimediato con successo ad alcuni errori segnalatigli nell’ottobre 2018, in particolare non sono più state riscontrate irregolarità nel numero di calciatori stranieri impiegati della categoria FE-12 (ci permettiamo di ricordare che si trattò ovviamente di disattenzioni e non di comportamenti voluti);
  • l’ASF lamenta però che, durante la stagione 2018-19, alcune prescrizioni d’esecuzione non siano state rispettate/applicate. In particolare cita non meglio precisate carenze a livello di infrastrutture ed un’integrazione “non totale” all’interno del partenariato di calcio d’élite (Team Ticino), con il quale la collaborazione sarebbe stata insufficiente.

Per nostra soddisfazione, la lettera si conclude (dopo quasi un anno dalla nostra prima richiesta di incontro e dalla nostra richiesta di maggiori dettagli, nel frattempo mai ricevuti) con un invito da parte dell’ASF al fine di discutere nel dettaglio le problematiche riscontrate nell’ambito di una riunione da tenersi nei prossimi giorni.

Inutile sottolineare, da parte nostra, che quanto segnalato dall’ASF sia niente poco di meno che la conseguenza della situazione conflittuale venutasi a creare all’interno del Team Ticino, situazione che ha evidentemente portato alcuni genitori a decidere di non far entrare i propri ragazzi nelle squadre del partenariato. L’auspicio e l’obbiettivo primario dell’FC Lugano, ora che vi è finalmente un nuovo Comitato, è che il Comitato stesso possa lavorare in modo costruttivo e con ritrovata serenità al fine di normalizzare la situazione nel corso nel corso dei prossimi mesi e ripartire con la stagione sportiva 2020-2021 nel migliore dei modi. Questo è però messo in serio pericolo dal comportamento dell’AC Bellinzona, che con le proprie azioni legali verso il Team Ticino sta facendo di tutto per rimettere in discussione i nuovi Statuti e quindi la nuova composizione del Comitato. Composizione che, è importante ricordarlo, non è altro che il frutto di una lunga mediazione (durata quasi 9 mesi), voluta e condotta dall’inizio alla fine sotto l’egida ed il controllo delle due massime istanze calcistiche svizzere, l’ASF e la SFL.

Nessun’altra dichiarazione sarà rilasciata in merito a questa tematica dall’FC Lugano prima dell’auspicato e benaccolto incontro con i vertici dell’ASF.

Potrebbero interessarti anche queste notizie: