Il Balerna approda ai quarti di finale della Coppa Ticino battendo in rimonta il Cadenazzo per 2 a 1.

Il match era molto atteso dai nerazzurri considerando la scottante sconfitta subita due turni fa. La squadra di Pichierri va in svantaggio nei primi minuti di gioco, complice il manto erboso ai limiti della decenza, ma poi mette sotto il Cadenazzo con una doppietta di E. Fiori.

Primo tempo: al 6’, gli ospiti si portano sullo 0 a 1 con il gol di Peker, il quale approfitta di un rinvio impreciso del portiere Albizzati, causato dal terreno di gioco sconnesso, e segna praticamente a porta sguarnita. La squadra di casa ricomincia da capo e non perde la calma, producendo tantissime triangolazioni e giocate di alta qualità. Il gol del pareggio è nell’aria e, al 36’, E. Fiori, servito in area da Camilletti, calcia la palla di sinistro nell’angolino basso della porta difesa da Rotta.

Secondo tempo: il Balerna riprende da dove aveva lasciato e si presenta in area di rigore avversaria in diverse occasioni, ma senza il cinismo necessario. A questo punto, ci pensa di nuovo E. Fiori: l’esterno sinistro dei nerazzurri prende palla dalla trequarti, supera tre giocatori in slalom e infine conclude con un diagonale preciso che porta la sua squadra in vantaggio. Il Cadenazzo allora reagisce e il Balerna riesce a mantenere il vantaggio con il cuore e con i denti anche in 9 contro 11, quando l’arbitro decide di espellere prima D. Fiori, al minuto 82 e poi S. Piccioli, al minuto 89.

Al triplice fischio, il Balerna può prendersi la soddisfazione di avere sconfitto la sua bestia nera, per la quale l’anno scorso ha salutato la possibilità di vincere il campionato e quest’anno la possibilità di salire la classifica, dopo la sconfitta subita in campionato.