Basta una piccola incomprensione mal gestita per perdere il rispetto della squadra. Bisogna agire prima che sia troppo tardi: ecco da dove partire

Articolo estremamente interessante su portal.spond.com, leggiamolo per intero.

Gli allenatori che si concentrano sulla creazione di relazioni positive e personali con i loro atleti assicurano alla squadra un clima di serenità che può incidere molto sul buon andamento delle gare. Ma non sempre è tutto rose e fiori: può capitare che in un team si inneschino dei meccanismi negativi, legati a incomprensioni o ad altri fattori esterni, che possono portare la squadra a mancare di rispetto all’allenatore.

E’ necessario capire come gestire gli atteggiamenti negativi, perché lo spettacolo deve necessariamente andare avanti: se hai la percezione che la tua squadra sia contro di te, devi agire il prima possibile per trasformare questi atteggiamenti. Un compito veramente arduo, ma di certo non puoi rischiare di perdere produttività, energie e, nei casi più gravi, membri della squadra, quindi qualcosa deve cambiare sin da subito.

Non sai da dove partire? Puoi provare a reimpostare l’atteggiamento della squadra e a guadagnare il rispetto dei tuoi ragazzi, cominciando da tre semplici passaggi.

  1. Comunica meglio

Questo può sembrare un suggerimento scontato, ma è fondamentale. Se senti di fare davvero di tutto per migliorare il clima, ma la tua squadra non risponde, la causa potrebbe benissimo essere un errore di comunicazione. Quindi, chiedi feedback ai tuoi colleghi e ai membri dello staff tecnico, soprattutto a quelle persone ritieni molto sincere, e che non si farebbero problemi a dirti dove stai sbagliando. In secondo luogo, chiedi ai ragazzi stessi come preferiscono essere gestiti o cosa puoi fare per aiutarli giorno per giorno. Ascolta davvero le loro preoccupazioni e idee, e cercate insieme delle soluzioni. Fai uno sforzo per muovere un passo verso di loro, cerca di capire cosa li guida e li motiva. Comunica in modo chiaro e tranquillo, mentre li aiuti a pianificare e raggiungere i loro obiettivi. Mostrati sempre disponibile a rispondere a domande e dubbi. Migliorando le tue abitudini comunicative, aumenterai il legame del team e vedrai dei ritorni reali sul loro morale.

  1. Mostra una visione e un piano

È difficile rispettare o fidarsi di un leader che non sa dove sta andando, né tantomeno perché o come arrivarci. Cerca di essere sempre preparato per ogni allenamento e non dare mai l’aria di improvvisare: potresti inconsapevolmente diffondere confusione nella squadra. E questa potrebbe essere la ragione per cui i ragazzi non danno credibilità alla tua leadership. Quindi dedica più impegno alla creazione e alla comunicazione di una visione e di un piano. All’inizio di ogni allenamento, descrivi cosa i ragazzi dovranno fare, perché e in che modo questo piano contribuirà alla loro crescita e al raggiungimento dei risultati prefissati.

  1. Mostra interesse per ciascuno

Alcuni allenatori sono così assorbiti nell’adempimento del loro ruolo, da non rendersi conto che stanno allenando delle persone, non degli automi. Non è produttivo mettere in secondo piano l’umanità dei tuoi calciatori. Piuttosto, considera prioritario mostrare che sei riconoscente e che hai cura di ogni singolo membro della tua squadra: ascolta tutti e ringraziali per i loro sforzi e risultati. Dai loro i giusti riconoscimenti quando se lo meritano, e mostra rispetto per il tempo che dedicano agli allenamenti e per le energie che spendono. Rispetta i tuoi ragazzi e loro saranno molto più propensi a ricambiare il sentimento.

Come avrai capito, il miglior punto di partenza per essere un leader credibile è chiedere feedback ai tuoi ragazzi. Da lì in poi, segui la regola d’oro, che vale nella vita come nel calcio: quando tratti le persone come vorresti essere trattato, con fiducia, autonomia, visione e comprensione, guadagnerai il loro rispetto e lo manterrai.

Da: Laura Fracasso – Spond
Leggi qui l’articolo originale

METTI "MI PIACE"
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

3L-2:un derby è un derby, la classifica non conta,... Pronta reazione dei GC Carassesi nel derby contro l'US Monte Carasso dopo la sconfitta con il Gordola. In una partita molto tirata la squadra di Co...
Team Ticino, altro ottimo weekend, 3 su 4 Un ottimo weekend per le quattro squadre del Team Ticino. Tre vittorie e una sola sconfitta hanno confermato la qualità della preparazione fatta in ...
4L-1: Agno strada spianata, Sacha Cattelan “grande... Dal sito internet dell'FC Agno Il Bioggio ha giocato alla pari, ma un’invenzione di Casolini per Gaspar ha deciso la gara, nei biancoviola è pro...
5L, sintesi della 1ª di ritorno: allo Stabio il bi... Segnali di risveglio per Villa Luganese e Pedemonte, il Rapid Bironico è ancora vivo, Moderna e Portoghesi Ticino non si danno per vinti GRUPPO 1...
4L, sintesi della 1ª di ritorno: Agno è fatta? Il ... Azzurra e Comano rallentano, il Sant’Antonino sale minaccioso, la cura Campagnuolo sembra aver rivitalizzato i Lusitanos GRUPPO 1 L’Agno vince 1...
3L, sintesi della 2ª di ritorno: Malcantone cinico... Tenero Contra e Semine in rampa di lancio, il Sementina è una macchina perfetta, rialzano la testa i Carassesi GRUPPO 1 Grazie a un gol spettaco...
2L: ancora Gambarogno-Arbedo, ancora 1-0 per i rag... I locali nella gara odierna si trovano nuovamente di fronte dopo l’ottavo di Coppa l’Arbedo che arriva a Magadino agguerrito e in cerca di riscatto....
2L, sintesi della 2ª di ritorno: Balerna e Vallema... Torna al successo il Morbio che, complice la vittoria dell’Ascona, fa scivolare in zona retrocessione il Losone. Continua la risalita del Minusio ...
2L: il Balerna vince il derby e continua a sognare Succede tutto o quasi nella ripresa, una doppietta di Muadianvita stende 2-1 un buon Castello. Oggi pomeriggio sul terreno di Stabio è andato in ...
3L-1: Maroggia trascinato da Sehic e Castellaneta,... Scatto salvezza per la squadra di Del Villano, giornata nera per il Monteceneri in partita solo per un tempo Allungo salvezza per il Maroggia che...