Daniel Matković è il primo arbitro svizzero affiliato alla FIFA a conquistare la prima categoria. A novembre, il 30enne ha portato a termine un anno ricco di eventi con incarichi alla Coppa del Mondo di Futsal per Sordi di Winterthur. Come omaggio per i traguardi raggiunti, il sito web dell’Associazione Svizzera di Football (ASF) lo ha incontrato per farsi raccontare come ha vissuto i 365 giorni da poco andati agli archivi

«È stato un anno inaspettato e molto eccitante, un anno eccezionale», afferma Daniel Matković. L’arbitro di futsal svizzero ha vissuto molte esperienze nel 2019. Alla fine di gennaio, il suo tour in Europa è iniziato con un match di qualificazione alla Coppa del Mondo in Bielorussia – e dopo la sua promozione estiva nella «prima categoria» UEFA, la seconda più alta a livello di prestazioni -, le cose sono migliorate nella seconda metà dell’anno.

A settembre, ha diretto il primo Campionato Europeo Juniori Under 19 in Lettonia, mentre all’inizio di ottobre ha viaggiato in Ungheria per il torneo di qualificazione della Champions League di Futsal. Poco dopo, è andato in Macedonia del Nord per il turno di qualificazione alla Coppa del Mondo a cui hanno preso parte Slovenia, Ucraina e Kosovo: «In totale, ho trascorso fino a 40 giorni nel futsal internazionale nel 2019», ha spiegato Daniel Matković.

Ai Mondiali per Sordi

A novembre è seguito un altro punto culminante, il 4° Campionato Mondiale di calcio a 5 a Winterthur, la Coppa del Mondo di calcio per non udenti e ipo-udenti. Matković è stato colpito dall’atmosfera familiare che si è respirata durante il torneo. «Tuttavia, i giochi sono un sacco di affari, il livello corrisponde approssimativamente a quello della Swiss Futsal Premier League». I singoli giocatori dei nuovi Campioni del Mondo della Spagna giocano nella Seconda Divisione del loro Paese, il cui livello di ascolti è notevole.

La selezione svizzera si è comportata bene, giocando sorprendentemente fino all’atto conclusivo grazie a una vittoria per 4-3 nei quarti di finale contro la Thailandia e per 3-2 in semifinale contro la Svezia. In finale è stata poi superata 5-4 dalla Spagna. La squadra femminile svizzera, invece, ha dovuto accontentarsi dell’ultimo posto.

La Coppa del Mondo di Futsal non è stata solo una grande esperienza per i giocatori, ma anche per i 16 arbitri presenti. Oltre a Daniel Matković, Adrian Tschopp è stato un altro arbitro di futsal FIFA, così come altri arbitri delle leghe svizzere e i colleghi di Francia e Germania, con i quali viene mantenuto un programma di scambio nell’ambito del calcio a 5.

Segnali con la bandiera

Oltre al segnale acustico emesso dal fischio dell’arbitro, durante la Coppa del Mondo per Sordi è stato utilizzato anche un segnale visivo. I due arbitri sul campo hanno anche sottolineato i loro fischi con il sollevamento di una bandiera, in modo che tutte le loro decisioni potessero essere comprese. Anche il terzo ufficiale in disparte era dotato di tale bandiera. C’è stato anche un cronometrista, anch’egli un arbitro. I 16 arbitri che si sono alternati all’interno dell’Eulachhalle di Winterthur sono stati seguiti da Rolf Fischer e Norbert Kroh, dal capo della Futsal SR Markus Bissig e da Patrick Graf, del dipartimento degli arbitri dell’ASF, i quali hanno effettuato i preparativi necessari per rendere funzionale la settimana in cui si è disputato il torneo.

Per Matković è stato un ultimo grande momento culminante nel suo ricco anno 2019. Ma la sua strada è tutt’altro che finita. «Il mio obiettivo è avanzare al gruppo d’élite di arbitri del futsal. Dato che sono il più giovane direttore di gara della prima categoria e ho anche ricevuto un feedback positivo dai miei incarichi, spero in un’opportunità». Matković, che ha anche lavorato come mago per alcuni anni, diventerà un esempio per la Svizzera anche grazie alla sua recente esperienza al 90 percento presso la Croce Rossa del Canton Berna. In futuro, potrà godere di un venerdì aggiuntivo, che può investire nel suo “elaborato” hobby. Lo sforzo non è inoltre insignificante nell’area di addestramento. Ogni mese, la UEFA organizza anche una serata di apprendistato per condividere le ultime novità nel settore.

«Per me il futsal è tutto, arriva subito dopo la famiglia», dichiara ancora Matković, che ha iniziato la sua carriera di arbitro nel 2005 all’età di 16 anni. È inoltre diventato un giocatore di calcio a livello interregionale, dove nel 2012 ha scoperto il suo amore per il futsal. Dal 2015 gode dello status di arbitro FIFA. «Sono fortunato a essere in grado di identificarmi al 100 percento con tutte le mie attività e di avere a che fare con persone ovunque».

(nella foto, in secondo piano: Daniel Matković, 30 anni, arbitro FIFA di Futsal – © Daniel Schaub/Rotweiss/football.ch)