Djibril Sow (a destra) stringe la mano al ds bianconero Fredi Bobić – © SG Eintracht Frankfurt

Il passaggio all’Eintracht Francoforte nel corso dell’estate ha necessitato, come logica vuole, un periodo di adattamento. Ora, per Djibril Sow arrivano le lodi da parte del suo tecnico, Adi Hütter

Così, dopo un avvio di stagione in cui è stato costretto a rimanere ai box a causa di un infortunio, il 22enne centrocampista si è guadagnato scalino dopo scalino la fiducia dell’ex allenatore dello Young Boys, scendendo in campo in tutte le ultime sette sfide ufficiali disputate dalle Aquile. Tuttavia, sabato in Danimarca è rimasto tutta la partita in panchina e non ha potuto dare il suo contributo alla nazionale rossocrociata.

Ciò non preoccupa affatto il condottiero bianconero, il quale afferma dalle colonne del Kicker di «vedere una buona crescita dei ragazzi che si sono appena trasferiti in Bundesliga». I due, lo ricordiamo, hanno lavorato insieme nella capitale federale nel campionato 2017-2018. «Se tutto non funzionasse come previsto, allora lascerei partire un calciatore e dare lui tutti i diritti per farlo. Oppure, cerco di aiutare i giovani e permettergli di giocare, in modo da raggiungere un buon livello di gioco».