Quattro giorni dopo essersi affrontati nell’ultimo turno del campionato di Seconda Lega Interregionale, Taverne e Novazzano si ritroveranno di fronte in una sfida che garantirà alla vincitrice l’accesso al primo turno principale di Helvetia Coppa Svizzera

Domani sera, mercoledì 19 giugno 2019, a partire dalle ore 20:30 sul sintetico del Campo Comunale di Taverne, gialloneri e gialloblù si giocheranno le ultime cartucce stagionali per cercare di coronare il sogno di disputare la competizione nazionale e raggiungere così le altre tre squadre ticinesi qualificate d’ufficio, ossia Lugano (Raiffeisen Super League), Chiasso (Brack.ch Challenge League) e Bellinzona (Promotion League). Comunque vada, saranno quattro le compagini nostrane a essere impegnate a metà agosto. A queste, come ci spiega un nostro attento lettore, dovrebbe aggiungersene una quinta, il Gambarogno-Contone, vincitore della Coppa Ticino e che la prossima annata sarà impegnato in Seconda Lega Interregionale.

La sfida cantonale sarà anche l’ultima sulla panchina momò di Damiano Meroni, il quale, nella giornata di venerdì, ha ufficialmente comunicato alla dirigenza le sue intenzioni di non continuare un’avventura che lo ha portato a conquistare la salvezza per due anni consecutivi e con un certo agio.

In aggiunta, anche se al momento sono solo speculazioni, potrebbe risultare anche il match d’addio di Maurizio Ganz. Nelle ultime settimane, il 50enne di Tolmezzo è stato accostato al Milan femminile, dove, nelle intenzioni dei nuovi vertici rossoneri, prenderà il posto di una leggenda come Carolina Morace.

Il bilancio stagionale tra le due compagini sottocenerine è in perfetta parità: un successo per parte. Entrambi sono giunti con il fattore campo che ha giocato un ruolo determinante. La gara di andata ha visto i gialloneri vincenti per 2-0, quella di ritorno (sabato sera) è andata appannaggio dei gialloblù, usciti con i tre punti dal rettangolo di gioco casalingo. Al triplice fischio finale, l’ago della bilancia penderà ovviamente dalla parte di una delle due squadre. In Coppa non esistono né se né ma. Conta esclusivamente il risultato al 90′, che farà diventare realtà un sogno per un solo undici.