Alle 20:15 di domani sera il calendario propone la sfida di Cornaredo tra Lugano e Grasshopper

La sfida, valida per i quarti di finale di Helvetia Coppa Svizzera, metterà di fronte due formazioni che daranno al primo dei due atti che li vedrà incontrarsi nel breve spazio di quattro giorni. Domenica, infatti, a campi invertiti, è in programma la 17a giornata di Raiffeisen Super League. Questa, però, è storia del futuro. Ciò che conta è il presente. E il presente dice che entrambe le squadre arrivano all’appuntamento dopo aver rimediato due sconfitte in campionato: 1-2 casalingo per i bianconeri contro lo Young Boys e 3-0 in trasferta per i biancoblu a Sion. Le battute d’arresto sono però giunte in maniera del tutto diversa. Se da una parte i ticinesi hanno dominato per lunghi tratti la partita senza riuscire a sfondare la difesa giallonera, dall’altra le Cavallette hanno subito la verve dei biancorossi, a cui manca pure un chiaro rigore per un fallo di mani evidente all’interno dei sedici metri.

Nel previsto freddo ticinese, gli undici che scenderanno in campo andranno alla ricerca di un posto tra le migliori quattro della competizione. Il cammino dei padroni di casa è stato irto di insidie, eccezion fatta per il primo turno, quando il Bassecourt venne regolato con un tennistico 6-0. Per il resto, due affermazioni di misura (1-0 a Köniz al 94′ e 3-2 dopo i supplementari – con rete decisiva siglata al 118′ da Domen Crnigoj – in quel di Schötz). Le Cavallette, invece, ha superato senza particolari problemi sia primo (10-0 a Romontois, 2. Inter), che secondo (5-0 a Bienne, 2. Inter) turno, mentre negli ottavi, nell’unico confronto tra due team della serie maggiore, è andato a imporsi per 1-0 alla “Pontaise” di Losanna, con gol della vittoria messo a segno al 66′ da Marco Djuricin.

Per ciò che concerne le formazioni, il Lugano – come si è evinto dall’incontro di domenica – ha recuperato l’autore del gol vittoria dell’ultimo turno di Coppa (Crnigoj). Torna a disposizione pure il laterale sinistro Fabio Daprelà, appiedato in Europa League e Super League a causa del raggiungimento di cartellini gialli. Per il resto, a parte i soliti assenti Stefano Guidotti e Goran Jozinovic, tutti gli altri elementi della rosa sono a disposizione e arruolabili. Anche il brasiliano Carlinhos Junior, fermo contro l’YB per un forte pestone rimediato in campo europeo contro l’Hapoel Beer Sheva, ha ripreso ad allenarsi. Se giocherà dall’inizio lo si saprà al momento della nomina della formazione titolare da parte di mister Pierluigi Tami. Sul fronte ospite, Murat Yakin sarà costretto a fare a meno del fantasista venezuelano Jeffrén, infortunatosi al menisco domenica in Vallese e già operato nella giornata di lunedì.

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Visit Us
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS