La Coppa Svizzera è una competizione speciale e imprevedibile a tutti i livelli. Il Paradiso, indiscussa capolista del Gruppo 4 di Seconda Lega Interregionale, ne ha avuto la conferma ieri sera a Morbio

Il Novazzano ha infatti imposto il primo stop stagionale ai biancoverdi, ma, ciononostante, mister Andrea Lanza ha poco, o nulla, da recriminare sulla prestazione e sull’atteggiamento forniti dai suoi. Ecco cosa ci ha confidato il tecnico luganese.

“Abbiamo preparato al meglio questa partita e siamo scesi in campo dal primo minuto dettando i ritmi e giocando alla grande. Gestione della palla, aggressività giusta e tutto quello che ci voleva per cercare di portare a casa la partita, tenendo il Novazzano nella propria metà campo, concedendogli qualcosa in ripartenza. Siamo andati in vantaggio meritatamente con Rocca, che ha insaccato in rete dopo essere stato benservito da Alaimo, abile a saltare il suo diretto avversario e a crossare in mezzo. Ma poi, quando la partita si è incanalata sui binari voluti, ecco che accade l’incredibile: due errori individuali che regalano letteralmente al Novazzano due palle da appoggiare facilmente in porta indisturbati. Il loro terzo gol arriva poi nel finale della prima parte su punizione”.

“Nella ripresa abbiamo ripreso a giocare ottimamente, riprendendo in mano la partita e provando il tutto per tutto per recuperarla. Abbiamo accorciato a metà del tempo con De Biasi, senza però trovare il gol del pareggio nonostante la continua pressione nell’area avversaria e le diverse occasioni pericolose vicinissime al gol, l’ultima delle quali con De Biasi che sfiora il palo dopo un’ottima girata. Si vede che stasera (ieri, ndr) doveva andare così!”.

“In generale, abbiamo imposto il nostro gioco da subito ma pagato a caro prezzo un blackout di 10’, dove ci siamo “fatti da soli” 2 gol e prendendone un terzo. Ma non posso che essere soddisfatto della squadra, perché per 80’ ha fatto la partita perfetta, proponendo calcio, lottando su ogni pallone, concedendo poco e premendo sempre sull’acceleratore. Il calcio però è anche questo e, nonostante la buona prestazione, bisogna accettare il risultato. Faccio i complimenti al Novazzano che è stato abile a sfruttare gli episodi sopra indicati e a non farsi recuperare il risultato nel finale”.

“È risaputo che le partite di Coppa sono sempre imprevedibili, può succedere di tutto ad ogni livello e quindi sono competizioni a sé. Ma è evidente la nostra buona prestazione di oggi, c’è grande rammarico perché probabilmente non meritavamo la sconfitta, ma la Coppa non dà una seconda possibilità. La squadra però sta bene e, partita dopo partita, dimostra di esserci alla grande e di crescere in continuazione. E ci tengo anche a precisare che non lo vedo come un passo falso, ma semplicemente una partita giocata molto bene contro un ottimo avversario, senza però riuscire a vincerla”.

“Infine, sono felice anche per le risposte dei giocatori che purtroppo hanno trovato meno spazio fino a oggi. Ogni ragazzo della rosa meriterebbe di giocare tutte le partite e me lo hanno confermato con una grande prestazione: a Paradiso c’è una rosa fantastica! Adesso ci godiamo la Pasqua, che servirà per ricaricarci fisicamente e mentalmente, per poi preparare la trasferta alla ripresa del campionato”.