Abbiamo trovato nel web un bell’articolo che ci fa ricordare quale numero portavamo sulle vecchie maglie, a volte cuciti dalle mamme, categoricamente dal numero 1 al numero 11, che avevano, più o meno, questo significato:

1 – Era il numero del meno dotato tecnicamente e non incline alla corsa;
2 – La indossava chi correva sulla fascia su e giù con predisposizione difensiva;
3 – Il terzino offensivo con meno compiti difensivi;
4 – Di solito è tarchiatello e gioca in 10 metri, difficile da saltare;
5 – Poteva anche giocare con le scarpe da ginnastica perché il suo unico dovere era intimorire l’attaccante avversario;
6 – libero o battitore libero, l’ultimo baluardo prima di arrivare in porta;
7 – La vecchi ala che creava scompiglio ai terzini avversari con le sue serpentine;
8 – Centrocampista di qualità con buona corsa e tiro da fuori;
9 – Era solitamente alto e grosso fisicamente, a volte poco tecnico ma in campo dava tutto, definito da tutti “Bomber”;
10 – Baricentro basso e laccio ai capelli, era il più dotato in campo e il più stimato del quartiere;
11 – Seconda punta che solitamente completava le caratteristiche del 9;

E tu che numero avevi?

Leggi qui il post originale.