Angelo Renzetti – © FreshFocus/sport.ch

Per la prima amichevole del Lugano, disputata All’Isola di Sementina, era presente anche il Presidente bianconero Angelo Renzetti

Il patron luganese, disponibile come di consueto, si è intrattenuto con i presenti al termine del 12-0 con cui i suoi ragazzi hanno steso i contraenti bellinzonesi. L’occasione, e non poteva essere altrimenti tenendo conto del fatto del possibile closing di domani [martedì 25 giugno], è stata quella giusta per fare il punto (finale?) della situazione. Ecco cosa ha raccontato il Pres.

“Stiamo facendo degli sforzi enormi per costruire una squadra per l’Europa League. Stiamo lavorando a spron battuto ed è per questo che non voglio alcun alibi. Il pallino non è in mano a me. Se lui [Leonid Novoselskiy, ndr] fa il pagamento sono contento, se non lo fa sono felice perché posso fare un altro anno in Europa League”.

“Il mercato? Sulla sinistra abbiamo preso Obexer. La nostra intenzione, però, è avere due giocatori per ruolo. Sulle fasce e a centrocampo stiamo valutando due profili interessanti. Junior è previsto che parta. Se non accadrà, inizierà con noi. La Russia? È una possibilità. Sabbatini? È una questione di ore e poi firmerà il contratto. Mihajlović? Siamo contenti per lui, ma sotto la regia di Celestini ha perso importanza”.

“Il problema del passaggio delle quote riguarda il pagamento. Quello verso la Swiss Football League è un’altra faccenda. Leo deve organizzarsi bene e perciò vuole prepararsi a puntino. Qualora non ci riuscisse, continuerà a far parte del club, aiutandomi con il settore giovanile e con l’azionariato”.