Sono trascorse appena tre settimane dalla conclusione della prima parte della stagione. Le vacanze invernali sono già finite e i bianconeri sono tornati al lavoro questo pomeriggio

Con addosso la classica tenuta rossa che contraddistingue ogni seduta giornaliera, i ragazzi guidati da mister Pierluigi Tami hanno dato avvio alla preparazione per il girone di ritorno – che sarà caratterizzato dalla disputa di 17 partite – svolgendo il primo allenamento del 2018 sul Campo B1 del comparto di Cornaredo.

Inizialmente, come oramai abitudine, i giocatori si sono riscaldati eseguendo un paio di giri del terreno, guidati dal preparatore atletico Nicolas Dyon. Dopodiché, agli ordini di uno dei due vice-allenatori Mattia Croci-Torti ci si è impegnati in una fase tecnica in cui l’obiettivo era quello di effettuare dei passaggi precisi (di collo, interno, di destro e di sinistro) verso il compagno che lanciava il pallone. In seguito, l’attenzione è stata posta sull’atletica, con esercizi per gli adduttori e le varie parti del corpo. Un giro-palla con alcune varianti ai lati di quattro sagome gialle ha fatto da preambolo infine all’ultima fatica del primo lunedì del nuovo anno: una sfida per il possesso prolungato della sfera tra due squadre con possibili appoggi ai lati del quadrilatero di gioco.

In 27 (compresi il terzo e quarto portiere) si sono presentati al raduno odierno. Tra di loro anche il terzino sinistro svizzero Silvano Schäppi, scaricato dal Thun – in particolare dopo il ritorni nell’Oberland Bernese di Sven Joss dallo Young Boys – dopo nemmeno sei mesi di permanenza alla corte di Marc Schneider. Il numero attuale di giocatori è assai ragguardevole: di conseguenza la priorità della società sarà diminuire il totale degli elementi in rosa, in modo da poter permettere a tutti un minutaggio ideale. Senza dimenticare però che per raggiungere il traguardo principale della stagione (una salvezza tranquilla) occorrerà operare anche in entrata, acquistando un calciatore capace di andare in rete con una certa regolarità.

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Visit Us
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS