Il punto conquistato – o i due buttati al vento (vedete voi) – contro il Thun ha almeno il merito di muovere la classifica. Tre punti sarebbero stati il giusto premio per un Lugano decisamente diverso rispetto alle ultime uscite. La paura di tornare alla vittoria, unita a una condizione fisica non sufficiente, è stata determinante alla non conquista della posta piena

Quattro giorni sono un nonnulla per preparare una nuova partita con una nuova rosa. Mister Guillermo Abascal lo sa benissimo. Ma sa altrettanto bene che la passione è un aspetto di fondamentale importanza per la riuscita di un compito. Al tecnico iberico è stata data in mano una squadra a pezzi dal punto di vista morale e che fisicamente fatica tantissimo. Sì, perché è l’aspetto atletico che preoccupa più di quello mentale. Forse, sapendo che a fine stagione non sarebbe rimasto, il vecchio preparatore atletico Nicolas Dyon ha un po’ tralasciato la fase aerobica, non riuscendo più a stimolare i ragazzi a dare il massimo, e anche di più, come avrebbe dovuto fare.

Ora che è tornato Nicolas Townsend il fattore atletico sarà rivisto in positivo. Questo perché il prof. (come viene soprannominato) è uno che pretende molto, ma che dà tutto sé stesso affinché i giocatori arrivino a un livello tale da risultare superiori agli avversari. Il suo atout è la relazione che ha con i ragazzi: duro quando serve e “docile” nel momento giusto. Non che Dyon fosse diverso, ma ultimamente sembrava aver perso quegli stimoli ideali che portano al successo. Ecco perché con il ritorno di Townsend, mister Abascal può contare su una persona che conosce alla perfezione le esigenze di ogni singolo elemento. Sette partite sono poche per recuperare fisicamente, ovvio, ma con la disponibilità di tutti ci si potrà (e si dovrà) giocare con più tranquillità.

METTI "MI PIACE"
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

Lugano, sessione ventilata tra schemi offensivi e ... La prima sessione della nuova settimana ha visto i calciatori della rosa bianconera allenarsi tutti assieme sul campo B2 Nel pomeriggio odierno, i ...
RSL, ora è ufficiale: Joël Magnin guiderà il Neuch... Joël Magnin (il primo a sinistra), a fianco degli ex-colleghi Leandro (ex-Yverdon) e Stéphane Chapuisat (ex-YB) - © laregion.ch Le indiscrezioni d...
Grasshopper, Stephan Anliker ai titoli di coda: ... Nel corso della mattinata odierna, il Grasshopper ha comunicato delle modifiche nello statuto societario. Nel pomeriggio, il personaggio in question...
Lugano, ufficiale l’acquisto del “crac... Filip Holender (a destra), primo "crack" del mercato bianconero, a fianco del ds Giovanni Manna - © FC Lugano Come ventilato nelle scorse settiman...
Zurigo, Andris Vaņins kappaò in nazionale: si teme... Andris Vaņins - © fcz.ch Nel corso della partita di qualificazione agli Europei del 2020 in Macedonia del Nord, Andris Vaņins ha dovuto essere sos...
Sion, il talento di Bastien Toma sotto osservazion... Bastien Toma - © sportranker.com Nonostante la giovane età, Bastien Toma si sta rivelando un giocatore importante e un punto fermo, sia per il suo...
Calciomercato, un’altra tappa nella carriera... Verso la fine della sessione di mercato invernale del 2018, la Dynamo Dresda aveva piazzato il colpo Moussa Koné, acquistandolo dallo Zurigo, che in...
RSL, Tranquillo Barnetta appenderà gli scarpini al... Al termine della corrente stagione, Tranquillo Barnetta potrebbe definitivamente appendere gli scarpini al chiodo Il contratto del 33enne trequarti...
Neuchâtel Xamax, il contratto di Stéphane Henchoz ... In piena lotta per mantenere il posto nella massima categoria del pallone rossocrociato, il Neuchâtel Xamax ha comunicato che il contratto di Stépha...
RSL, Bajrami e Pušić del Grasshopper si esprimono ... Nedim Bajrami - © FreshFocus/sport.ch I deprecabili incidenti pirotecnici causati dagli pseudo-tifosi del Grasshopper sono oggetto di un'inchiesta...