Il punto del pareggio subito al 94′ da Birama Ndoye è una questione di testa. In stagione, non è la prima volta che il Lugano non rimane attento sino al triplice fischio finale

Nel girone d’andata era già accaduto nelle due sfide casalinghe contro Grasshopper e Neuchâtel Xamax. Curiosamente, tutte le partite in oggetto sono terminate con il risultato finale di 2-2 e i bianconeri si sono visti beffare all’ultima azione disponibile in favore degli avversari di turno. Salgono così a sei i punti gettati al vento dai sottocenerini, che proseguono la loro scia di insuccessi, ora attestatasi a quota otto partite, in cui sono giunti quattro pareggi e altrettante sconfitte.

L’aspetto mentale è quello su cui occorre intervenire. E alla svelta. Perché, se da un punto di vista fisico c’è poco da eccepire, sul lato dell’attenzione nei momenti cruciali la squadra ha molto peccato. Si potrebbe obiettare che i ticinesi hanno lottato e cercato in tutti i modi di conquistare i tre punti. Vero. Ma è anche corretto affermare un incontro di calcio ha una durata che va oltre i novanta minuti regolamentari. E, sempre più spesso, i confronti, in ogni parte del globo, si decidono nei secondi di recupero. È in quel momento dove l’attenzione dev’essere massimale. Tutti gli elementi di una squadra hanno l’obbligo di dimostrare il loro valore anche negli ultimi istanti di un incontro.

Lo staff tecnico luganese, a partire da mister Fabio Celestini, dovrà ora, come mai prima, lavorare sulla mente dei propri protetti. Per evitare che tutto ciò che di buono si è fatto dall’ascesa nella massima categoria (oramai quattro anni or sono) venga vanificato in un batter di ciglia e per fare in modo che il prezzo da pagare non risulti essere più alto di quello che effettivamente si merita.

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

Lugano, Renzetti ha deciso: la cessione del club s... Angelo Renzetti - © FreshFocus/sport.chIl 31 marzo 2019 è la data limite posta da Angelo Renzetti riguardo la vendita della società. Il giorno do...
RSL, la sconfitta con il Lugano costa cara: il Luc... René Weiler - © FreshFocus/sport.chLa netta sconfitta casalinga di ieri sera subita per mano del Lugano è costata il posto a René Weiler Con un ...
Lucerna-Lugano, la moviola: direzione autoritaria ... Non c'è stato solamente il Lugano a mettersi in mostra alla Swissporarena. Anche il direttore di gara è stato tra i protagonisti del match Adrien J...
Lugano, l’analisi post-Lucerna: il gruppo me... Il Lugano è tornato al successo grazie all'unità di un gruppo che, ultimamente, ha lavorato ancor di più per cercare di porre fine alla striscia di ...
Lucerna-Lugano, Weiler: “La situazione è neg... René Weiler - © FreshFocus/sport.chRené Weiler, tecnico del Lucerna, non perde la calma, nonostante il terzo kappaò in altrettante partite dall'i...
Lucerna-Lugano, Celestini: “Stavolta gli epi... È un Fabio Celestini, ovviamente, entusiasta quello che si presenta nel post-partita della Swissporarena. Il largo successo aumenta il gap dalla zon...
Lucerna-Lugano, le pagelle: grande prova collettiv... Il Lugano torna al successo dopo un'astinenza durata tre mesi e mezzo e il merito di ciò è da dare ai ragazzi, che hanno saputo tirare fuori il megl...
RSL, a Lucerna arriva un successo che scaccia i br... Alla nona occasione, il Lugano trova una vittoria tanto importante, quanto "scaccia brutti pensieri". Il 3-0 firmato da Sadiku, Gerndt e Sabbatini r...
RSL, nell’ultimo giorno di mercato Lucerna e... Nell'ultimo giorno del mercato internazionale ci sono due squadre svizzere che sono rimaste a bocca asciutta Si tratta di Lucerna e Sion, le quali,...
Lugano, Stanley Amuzie ceduto agli sloveni dell... Stanley Amuzie non è più un calciatore del Lugano. La società bianconera ha infatti annunciato la partenza del terzino sinistro in direzione della S...