Per come si erano messe le cose a un quarto d’ora dal termine, un pareggio potrebbe soddisfare il Lugano. E invece, l’amarezza e i rimpianti rimangono i sentimenti predominanti in casa bianconera

Per la quarta volta consecutiva, i luganesi non hanno conquistato la posta piena, accontentandosi di un punto, il tredicesimo della stagione a fronte di sette vittorie e nove sconfitte. Complici gli altri risultati di giornata, la posizione di classifica è migliorata, seppur in coabitazione a quota 34 punti con Zurigo e Lucerna.

A sette turni dalla conclusione della regular season, il Lugano si trova così esattamente a metà strada tra il terzo posto del Thun e il nono occupato dal Neuchâtel Xamax. Con uno sguardo verso l’alto, i ragazzi di mister Fabio Celestini devono continuamente guardarsi anche alle spalle. In un campionato “balordo” come quello di quest’anno, salire è semplice e scendere lo è altrettanto.

La sensazione che si è respirata al triplice fischio di un inadeguato direttore di gara è che i ticinesi dovranno lottare fino all’ultimo secondo dell’ultima partita per riuscire a mantenere il posto nella categoria. Un vero peccato, perché i sottocenerini possiedono le capacità per fare il famoso salto di qualità. Ma, quando arriva il momento di dimostrarlo veramente, qualcosa, per un motivo o per l’altro, va storto.

Il pomeriggio di ieri vissuto in riva al Ceresio ha confermato una squadra volitiva, ma mancante di un rifinitore assoluto. Armando Sadiku, come suo solito, non bada tanto al sodo, cercando la conclusione da posizioni spesso impossibili. Alexander Gerndt è sempre generosissimo, ma anche troppo impreciso con il pallone tra i piedi. Sono solamente due esempi di una giornata grigia (dal punto di vista meteorologico) che avrebbe potuto diventare nera come la pece. Fortunatamente, il rimpianto ha lasciato spazio a una mezza gioia, grazie alla perla preziosa scagliata da Carlinhos Junior.

L’occasione di trovare il primo successo casalingo dal lontano 28 ottobre è sfumata per l’imperizia mostrata sotto porta dai padroni di casa. Venerdì contro lo Zurigo non ci saranno né se né ma: i tre punti saranno d’obbligo e, a quel punto, varranno come il platino più puro.

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

RSL, venerdì prenderà avvio la nuova stagione con ... Venerdì 19 luglio 2019 la Raiffeisen Super League inizierà il suo ciclo di partite ufficiali con lo scontro che metterà di fronte Sion e Basilea La...
Servette, anche Alain Geiger si accoda ai colleghi... Alain Geiger - © Keystone/Martial Trezzini/lenouvelliste.ch In un'intervista rilasciata alla NZZ am Sonntag il tecnico del Servette Alain Geiger h...
Chiasso, continua il rafforzamento della rosa: dal... Merlin Hadzi - © FC Chiasso A poco meno di una settimana dall'inizio del nuovo campionato, il Chiasso ha ufficialmente annunciato di essersi assic...
Lugano, l’analisi post-Inter: a preoccupare ... La partita con l'Inter, valida per la Casinò Lugano Cup 2019, ha mostrato un Lugano tanto, forse troppo, rispettoso del più blasonato avversario, ch...
Lugano, la certezza che si sta dimostrando tale ri... Già lo si era notato nel corso del girone di ritorno della passata stagione. In questo pre-campionato se ne è avuta la certezza: Noam Baumann è un e...
Amichevoli, il debutto di Valon Behrami non cambia... © Everton FC Impegnato nell'ultimo test pre-stagionale, il Sion ha collezionato il quinto pareggio in altrettante partite Di questi, ben quattro ...
Casinò Lugano Cup, mister Fabio Celestini: «Mi sar... Nonostante ci sia sempre qualcosa da migliorare, il tecnico bianconero Fabio Celestini vede il bicchiere mezzo pieno al termine della sfida amichevo...
Casinò Lugano Cup, il Lugano è troppo rispettoso (... L'edizione 2019 della Casinò Lugano Cup viene conquistata dall'Inter, che supera il Lugano 2-1 Nonostante la differenza di condizione atletica, i n...
Calciomercato, mentre avvia i contatti con Pajtim ... Michael Frey - © Twitter Fenerbahçe SK Dopo un solo anno in Turchia, Michael Frey potrebbe lasciare il Fenerbahçe, che dal canto suo ha avviato de...
Amichevoli, la «Fescht im Joggeli» va di traverso ... © FC Basel 1893 Nel quadro della Fescht im Joggeli per il 125° di fondazione delle due società, Basilea e Stoccarda hanno dato vita a un incontro ...